Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!

Fonte: http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2013-07-11/addio-anche-pernigotti-passa-184939.shtml?uuid=AbuMrRDI

 
Addio anche a Pernigotti: gianduiotti e torroni passano in mani turche - Caccia al made in Italy: chi sarà la prossima preda?

La Pernigotti, storico marchio del settore dolciario, passa in mani turche. La Fratelli Averna ha firmato infatti un accordo con il gruppo familiare turco Toksoz per la vendita del 100% del capitale sociale della Pernigotti.

«Siamo fieri – affermano Ahmet e Zafer Toksoz - di aver acquisito Pernigotti, marchio ricco di storia e fascino che identifica nel mondo la gianduia e il torrone italiano. Manterremo e potenzieremo l’attuale struttura, sviluppando l’attività in nuove e interessanti aree geografiche, sfruttando la forza del marchio Pernigotti. Introdurremo Pernigotti nel mercato turco così come in altri importanti Paesi».

 

Il gruppo Toksoz, con sede a Istanbul, opera in tre settori principali: alimentare-dolciario, farmaceutico ed energetico. Il fatturato annuo è pari a circa 450 milioni di euro. Nel segmento dolciario, Toksoz, attraverso una società controllata, detiene i marchi Tadelle, Sarelle e una gamma completa di snack dolci, creme spalmabili, gelati realizzando un fatturato annuo pari a circa 80 milioni.

L’attività produttiva del gruppo Pernigotti si svolge a Novi Ligure, dove l’azienda occupa circa 150 dipendenti. «Manterremo e potenzieremo l’attuale struttura, sviluppando l’attività in nuove e interessanti aree geografiche, sfruttando la forza del marchio Pernigotti. Introdurremo Pernigotti nel mercato turco cosi come in altri importanti paesi», commentano Ahmet e Zafer Toksoz.

«Negli ultimi mesi – dichiara la famiglia Averna - siamo stati oggetto di un forte interesse da parte dei principali operatori nazionali ed esteri; siamo lieti di affidare Pernigotti al gruppo Sanset della famiglia Toksoz, solido e determinato ad agire in ottica di continuità e sviluppo».

Pernigotti, azienda italiana con oltre 150 anni di storia, si distingue – ricorda una nota – per la posizione di leadership nel segmento del cioccolato gianduia, del torrone e degli intermedi per gelato e pasticceria. Pur operando finora prevalentemente sul mercato domestico, ha riscontrato negli ultimi anni «un crescente interesse per i propri prodotti sui mercati internazionali, tra cui Germania, Stati Uniti, America Latina e Cina». Le vendite ammontano a circa 75 milioni di euro.

La Averna, gestita dalla omonima famiglia da cinque generazioni, è attiva nella produzione e commercializzazione di alcolici con marchi propri e nella distribuzione nel mercato italiano di alcuni marchi internazionali.

6 Commenti a “Addio anche a Pernigotti: gianduiotti e torroni passano in mani turche”

  • Luca:

    Con tutto il rispetto, fra poco rimane di questo paese solo poco piu’ di un etichetta: ITALIA, ex paese sovrano, svenduto al mondo, servo degli usa, schiavo delle banche, cerca disperatamente una nuova identita’. Che pena, aziende con 150 anni di storia, vendute per quattro soldi puzzolenti senza un minimo di dignita’ e orgoglio.
    Averna, ma vi siete bevuti il cervello?

  • archimede:

    Già l’Averna veniva fatto in Germania dagli anni 70, per poter riconquistare quella che una volta fu l’Italia bisogna eliminare fisicamente la Merkel e Schaubel, Hollande e la Corona inglese compresa quella lurida schifosa di regina Olandese Beatrice la Falciatrice, la classe politica Italiana basta uno sputo e squagliano come giaccio al sole,basta trovare persone decise e che sanno sputare bene -

  • PER RITORSIONE SI CONSIGLIA IN TUTTA iTALIA DI BOICOTTARE QUESTI PRODOTTI ma ci sono italiani con senso di amore patrio disposti a fare questo?In altri paesi lo farebbero,ma qui………….???????????

  • elya:

    pernogotti e stata venduta a 75 milioni lo stesso prezzo del fatturato annuo?

  • danielecastello:

    Quante altre tristi notizie del genere ci toccherà leggere ancora..? Perchè gli altri stati non vendono, o svendono, nulla, e l’Italia invece lo fa di continuo? Ai turchi, per giunta. Com’è possibile?

  • danielecastello:

    Gli italiani hanno l’orgoglio sotto i piedi… Un popolo vigliacco, menefreghista e indifferente. Non comprerò mai più pernigotti. Peccato, perchè i gianduiotti erano buoni.

Lascia un Commento

Gianni Lannes
Corso Nuova Fotografia
Antonella Randazzo
FreePC
SCIE CHIMICHE