Cerca 

FreePC

 

Trovaci su Facebook

 

PAOLO MALEDDU

 

Enneagramma Biologico

 

SCIE CHIMICHE

 

Gianni Lannes

 

Caso kazako: dietro il blitz una guerra di banche. Truffati anche 8 istituti italiani
Redazione | 05-08-2013 Categoria: Mondialismo Stampa

Fonte: http://www.losai.eu/caso-kazako-dietro-il-blitz-una-guerra-di-banche-truffati-anche-8-istituti-italiani/
Interessi economici, guerra tra banche, istituti di credito truffati. E ancora debiti e liquidazioni di immobili. Potrebbe essere questo, secondo ciò che scrive Fiorenza Sarzanini sul Corriere, il filo rosso da seguire, la traccia per capire realmente chi ha ordinato la consegna della signora Alma Shalabayeva e di sua figlia Alua. Ecco alcuni passaggi dell’inchiesta pubblicata sul quotidiano di Via Solferino.

Il perché del blitz
Si rafforza l’ipotesi che quell’espulsione servisse a far uscire allo scoperto il marito Mukhtar Ablyazov, che fosse il ricatto all’Italia dopo la fuga dell’uomo. Perché si scopre che il dissidente era in realtà scappato dalla Gran Bretagna nonostante questo gli facesse automaticamente perdere lo status di rifugiato. Braccato da chi lo accusa di aver messo in piedi una truffa da circa 10 miliardi di dollari quando era presidente della Bta, la banca più importante del Kazakistan che per questo aveva avviato contro di lui un’azione legale in Gran Bretagna, lo stesso Paese che poi decise di concedergli asilo politico. E nella lista dei creditori, si scopre adesso, ci sono anche otto istituti di credito italiani, “inseriti nell’elenco delle vittime di frodi di Ablyazov”.

Nella lista Unicredit e Mediobanca
Eppure Ablyazov era al centro di un vero intrigo internazionale, come dimostrano i documenti raccolti in Gran Bretagna. La scoperta di un «buco» di almeno 10 miliardi di dollari viene scoperto dalla Bta nel febbraio 2009. Si decide così «una ristrutturazione grazie al Fondo sovrano Samruk Kazyna», ma soprattutto si scopre che mentre ricopre l’incarico di presidente, Ablyazov avrebbe concesso «ingenti prestiti a enti impossibili da individuare, spesso senza garanzie».

Il sospetto è che tra questi ci fossero «organizzazioni di cui lo stesso Ablyazov era proprietario e beneficiario». Sono proprio gli atti raccolti nel Regno Unito a rivelare che «tra i creditori che a livello internazionale erano stati vittime delle frodi di Ablyazov figuravano i seguenti istituti di credito italiani: Unicredito italiano, Banca popolare di Vicenza, Banca Monte dei Paschi di Siena, Mediobanca, Banca agricola mantovana, Banca nazionale del lavoro, Banca Antonveneta, Banca Ubae». Tutti insieme hanno ottenuto il sequestro dei suoi beni.

Scrive ancora  il Corriere

L’ATTIVAZIONE ITALIANA DEL 16 MAGGIO - Mario Trotta, l’ex carabiniere e adesso investigatore privato titolare dell’agenzia Sira che pedinava Ablyazov, sostiene di aver ricevuto l’incarico il 16 maggio da un’agenzia di Tel Aviv. Chi aveva ricevuto l’informazione che il dissidente era giunto a Roma e poteva essere catturato? E da chi arrivava? Il team incaricato dei pedinamenti presenta numerose relazioni alle autorità kazake, aggiornate con tutti gli spostamenti dell’uomo. L’ultima si riferisce alla serata del 26 maggio quando lo seguono mentre va a cena in un ristorante nella zona dell’Infernetto e poi fino al rientro a casa. Dopo non accade più nulla. Loro sono convinti che sia rimasto nella villetta di Casal Palocco e dunque continuano gli appostamenti. Invece Ablyazov, che si è accorto di essere sotto controllo o forse ha ricevuto una «soffiata», riesce a fuggire.

Il 28 maggio l’ambasciatore Andrian Yelemessov contatta per tre volte il ministro dell’Interno Angelino Alfano. Ufficialmente non sa che la preda è ormai scappata. «Non potevo rispondere e incaricai il capo di gabinetto Giuseppe Procaccini di occuparsene», assicura. In attesa di recarsi al Viminale, contatta la segreteria del questore e poi viene ricevuto dal capo della Squadra mobile Renato Cortese. Porta i documenti per dimostrare dove si nasconde Ablyazov, ne chiede l’arresto. Ebbene, 55 giorni dopo quell’incontro, non è stato ancora svelato chi «consigliò» al diplomatico di recarsi direttamente negli uffici di San Vitale. Generalmente gli ambasciatori hanno come interlocutore la Farnesina. Possibile che Yelemessov non attivò subito quel canale? Possibile che non parlò con nessuno degli Esteri, prima di bussare alle porte del ministero dell’Interno?

Fonte: Imolaoggi

- See more at: http://www.losai.eu/caso-kazako-dietro-il-blitz-una-guerra-di-banche-truffati-anche-8-istituti-italiani/#sthash.snMAg9lm.dpuf

Per inserire un commento è necessario creare un account Registrati


Commenti (2)

Scritto da carlo
07-08-2013 12:08

capire quello che non si deve capire in italia diventa reato, meglio tacere e far credere di essere ignoranti piuttosto di crearci danni. Nelle leggi ci credo ma non nelle persone che che con toghe o altro si ergono a paladini. NB. solo dei propri interessi.................

Scritto da antioppressione88
05-08-2013 13:08

se le banche vengono truffate da altre ben venga... il ladro non sempre ride... lelamedispadaccinonero.blogspot.it

Area Utente

 

COOKIE

 

ULTIMI COMMENTI

 

Brainup

 

ENZO RAFFAELE

 

Pubblicità

 

 

ARTICOLI NICOLETTA FORCHERI