Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!

Fonte: http://www.milanopost.info/2013/08/05/vogliamo-i-fatti-perche-questo-imprenditore-non-devessere-lennesimo-suicidio/

Vogliamo i fatti. Perché questo imprenditore non dev’essere l’ennesimo suicidio

IMPRENDITORE

Foto by Moreno Firmo

Una foto impressionante, scattata sotto i portici del Duomo, a Milano, l’altro ieri. Forse una provocazione, speriamo, ma quest’uomo in giacca e cravatta – si è tolto la giacca solo per il caldo – si dice “rovinato”, come quegli altri, come quelli che hanno deciso di farla finita.

Buongiorno Italia, scrivo per far sentire la voce di queste persone. Scrivo perché odio i luoghi comuni, e credo che una storia del genere valga tanto quanto gli altri poveri, magari di colore o nomadi, altrettanto disperati, ma tanto pubblicizzati dal ministro Kyenge e compagni.

Buongiorno Italia, c’è un tessuto di aziende che sta morendo. C’è un altro modo d’interpretare lo spettacolare blitz della Guardia di Finanza presso i principali luoghi di villeggiatura estiva: se c’è chi ha osannato i finanzieri, tutori dell’ordine di chi deve pagare le tasse, io personalmente vorrei che il governo – invece di mandare (legittimamente) la Finanza in Capri o Portofino – s’impegnasse a scoprire perché certi commercianti o imprenditori non pagano le tasse, se si tratta solo di slealtà (puniamoli se così), o se invece si tratta di oggettiva difficoltà.

Buongiorno Italia, è il 5 Agosto e mi rendo conto che questo lunedì non è come tutti gli altri: ma è per molti un giorno di ferie, in cui pensiamo solo a rilassarci e in cui siamo disposti soltanto a sentir parlare di Berlusconi e di Forza Italia e di politica da bar dei suoi avversari politici… ma c’è chi questa mattina la passa tra le lacrime di una vita che comincia purtroppo a diventare di stenti, e questa foto pubblicata da Milano Post dice tutto.

Che dire? Il governo Letta non si tiene in piedi solo coi pallottolieri, di chi pensa che – se il PDL si dimette – potrebbero venire in soccorso frange della Sinistra estrema o l’alleanza storica col Movimento Cinque Stelle; no, il governo Letta resiste solo se fa le cose concrete, come del resto Berlusconi stesso ha confermato da Roma durante la manifestazione a lui dedicata.

Vogliamo i fatti. Perché questo imprenditore non dev’essere l’ennesimo suicidio, non possiamo accettare con impotenza che la tragedia si svolga un’altra volta. Quest’uomo lamenta debiti, tasse da pagare, burocrazia senza fine, problemi causati da uno Stato leviatano che non ha eguali nell’Occidente. L’Italia non può continuare a essere una Repubblica fondata sulle menzogne, sull’inettitudine dei politici, sull’ipocrisia del “metti tempo e camperai”, sull’impossibilità di fare sul serio.

Perché non ci riusciamo a svegliare? I poveri – come vedete – stanno maledettamente aumentando e noi, qui e ora, vogliamo un’inversione di tendenza.

TTTSalvatore Todaro

35 Commenti a “Sos, ennesimo imprenditore sull’orlo del suicidio”

  • giorgio d.:

    Ridicolo , io non ho fatto nessuna scenografia…nella vita si può anche levarsi la cravatta e andare a lavare i cessi !
    Anche se posso capire bene che perdere una vita privilegiata in prima corsia col suv può indurre in tentazione al suicidio , questione di punti di vista.
    Consiglio a tutti quelli che si lasciano andare a pensieri neri questa canzone di Battiato,magari cambiano idea , si sa mai….

    http://www.google.it/url?sa=t&rct=j&q=battiato%20breve%20invito%20a%20rinviare%20il%20suicidio&source=web&cd=2&ved=0CDYQtwIwAQ&url=http%3A%2F%2Fwww.youtube.com%2Fwatch%3Fv%3DHjIITLU4ykQ&ei=GlcCUoS3KsLy4QTKh4D4Dg&usg=AFQjCNHwFnEdmsa4Huo2YlzjNXNQDZEVnA

    Che popolo di pagliacci senza dignità che siamo !

    • gian:

      tu non sai di che parli….

    • vincenzo grippa:

      MA COME FAI AD ESSERE COSI CINICO, FORSE SEI UNO DI QUELLI CHE CI LUCRA SOPRA.
      OPPURE LA MIA PANCIA E PIENA E ME NE FREGO DEGLI ALTRI?

    • Venditti emiliano:

      Giorgio capisco la rabbia verso alcuni tipi di imprenditori viscidi e egoisti però non sono tutti così ho quasi quarant’anni e sono una persona che è stata sia nella miseria ma sempre dignitosa sia nel benessere oggi dopo tanti anni di fatica anzi circa due anni e mezzo fa ho deciso di fare il salto di qualità costruire un intero cantiere da solo ma sempre con la mentalità di un semplice uomo che ha sempre lavorato a contatto con persone umili! La crisi immobiliare mi ha reso la vita un inferno certo potevo fare come tanti costruttori tenere tutto per me ma visto il mio passato da operaio ho diviso tutto con i miei operai (persone semplici ma dal cuore grande) oggi però per fare così mi ritrovo a non poter pagare neanche i libri della scuola.Ho dato tutto e sono disperato per colpa di una crisi non voluta da me.Per dimostrarti che non sono come tutti i viscidi costruttori ancora oggi ho operai che vengono quasi gratis ad aiutarmi ma non credo di farcela ancora per molto proprio perché le banche stanno finendo di uccidermi non so se sono riuscito a trasmettere il mio dolore però ho voluto rispondere perché dobbiamo capire che non siamo tutti uguali destra sinistra centro non importa so solo che le brave persone pagano sempre ciao vi saluto e vi auguro tanto amore e fortuna il mio sbaglio è stato credere che essere onesti e brave persone mi avrebbe ripagato ma non è stato così in bocca al lupo a tutti

  • Piena solidarieta’ per questo signore,ricordando altri che sono nelle sue condizioni,e GRANDE RABBIA VERSO QUESTO GOVERNO che si dedica alla cura e assistenza pecuniaria agli extracomunitari.Prima gli italiani,poi se ce ne anche per gli altri.La volete capire?

  • joebraun:

    maledetti schifosi!! e la crisi è finita, vero Saccomanni, diglielo a questo ‘diversamente extracomunitario’ (=cittadino italiano) che non è degno delle lodi d’amore della Sboldrini, di nessun reality, ne dell’aiuto della Caritas a quanto sembra!

  • Mauro Bena:

    Leggo questo ottimo articolo anche perchè sono davanti al mio computer che è fisso e non può essere portato quindi in giro; è in casa, da dove non mi sono mosso perchè sono da anni (veramente molti) che non vado in ferie in quanto non me lo posso permettere. Sono anche io un imprenditore, ovviamente inseguito da Equitalia, e altrattanto ovviamente accerchiato da una situazione economica molto preoccupante. Contrariamente a quello che vogliono far credere con le invasioni terrorizzanti della GuarFi (ho assistito personalmente a quella di un’autofficina e sono rimasto atterrito per l’ingresso da occupazione militare e le urla dei finanzieri in borghese, che sembravano malviventi), le partite IVA sono allo stremo; si lavora, ma non si ricevono i dovuti compensi; mentre è continua la richiesta di soldi da parte dell’apparato fiscale praticamente ogni 3 mesi circa. Per non parlare dell’anticipo a Novembre della maledetta tassa sull’ipotesi del fatturato che farai l’anno successivo. E questa è la mazzata finale: se avevi due monete per raggiungere la fine anno, li devi devolvere allo Stato, che non siamo affatto Noi, ma Loro. Per esempio dove si trova Passera che si è vantato di avere convinto (e obbligato) 24.000 dipendenti delle Poste Italiane ad essere “esuberanti”, trasformando un Servizio Postale nazionale in un squallido bazar da periferia?
    Non credo si possa dire Buongiorno Italia, ma più realmente fischiettare il Vecchio frac: la bella canzone di Modugno molti l’hanno già e-seguita fino all “fine”.
    Saluti.
    MB

  • DarksideOfAquarius:

    Ognuno ha quel che si merita.. ciascuno è artefice del proprio destino, è il mantra che questi patetici imprenditori amavano ripetere ogni volta che un giovane dipendente (o uno stagista) se lo pigliava in quel posto.
    Adesso che la festa è finita fanno le vittime, i santarellini. Dov’era questo grande senso civico quando lorsignori si sbizzarrivano allegramente tra cococo, stage non retribuiti, apprendistato e altre forme di sfruttamento giovanile? Quando puoi lucrare sulle spalle del prossimo si chiama crescita, quando le spalle sono le tue si chiama crisi. Eh beh, così è troppo facile caro il mio imprenditore: premi il grilletto, piuttosto.
    Oppure datti fuoco, perchè ognuno ha quel che si merita.
    La mia generazione dovrà impazzire per ripulire la vostra m…a ammesso che possa mai riuscirci, quindi vedete di ammazzarvi in fretta che prima vi levate dai cocones e meglio è.
    Fuori un altro, avanti il prossimo!

    • gian:

      ecco l’ennesimo STIPENDIATO che non capisce e non capirà mai come gira il mondo…. quello patetico qui sei tu mio caro =)

      • DarksideOfAquarius:

        Stipendiato? A parte che chiamarli stipendi mi sembra un’esagerazione, comunque ti sbagli, qui non c’è nessuno stipendio. Questo disoccupato la crisi se l’è beccata dall’inizio, quando ancora lassù si stava bene perchè riuscivate a scaricare la m…a su noialtri xD l’ha sopportata e la sopporta tuttora quotidianamente, senza sussidi né aiuti, adeguando il suo stile di vita senza starnazzare sui talk show o arrampicarsi sulle cupole per darsi fuoco, perchè non ha dimenticato quella cosa chiamata Dignità (nonostante abbiano fatto di TUTTO per fargliela dimenticare. Missione fallita!)
        Ma a parte questo. A non aver capito un accidente non sono io, perchè non si tratta di parole mie. E’ la filosofia imprenditoriale, baby, è quella cosa di cui vi riempivate la bocca quando le vacche erano più grasse, quando faceva comodo: ognuno ha quel che si merita, ciascuno è artefice del proprio destino.
        La coerenza, altra cosa di cui gli ex ricchi amavano riempirsi la bocca, deve valere anche adesso che Equitalia incalza e le fiamme gialle imperversano. Essì: ognuno ha quel che si merita. Niente lavoro? Vuol dire che non sai rimboccarti le maniche. Niente clienti? Vuol dire che non sei competitivo. La pubblica amministrazione non ti paga? L’hai votata tu, chi è causa del suo mal pianga se stesso… invasione di finanzieri? Fanno bene, perchè evadere il fisco è una cosa che non si fa =) Siete stati artefici del proprio destino e adesso godetevelo fino in fondo, perchè ve lo meritate davvero.
        Voglio essere buono: le munizioni per tirarsi le pistolettate in faccia le offro io, toh, che me le posso ancora permettere da buon risparmiatore quale sono sempre stato =)
        Un po’ come gli imprenditori italioti, che per risparmiare qualcosa venderebbero anche cibi scaduti da trent’anni: siete dei fottuti lupi mannari e vi travestite da chierichetti per muovere a compassione la gente adesso, che il lupo più grosso è venuto a mangiarvi.
        Ennò, così è troppo facile.

        • gian:

          confermo, sei uno stipendiato che non capisce un cazzo =)

        • Raffaele:

          Mamma mia che ignoranza… spero davvero che la tua azienda non si trovi mai nelle stesse condizioni in cui QUESTO DATORE DI LAVORO si è trovato.
          Ci sono Lupi e Lupi… quando un azienda fallisce, ricordati che a soffrire non è solo il capo, ma anche tutta la gente che sta intorno.

          Vergognati

        • NEO:

          Ricordatevi cari miei, che quando una ditta fallisce, e si resta a casa, bisogna inventarsi un pò la vita.
          E’ inutile piangersi addosso, in un modo nell’altro si deve andare avanti (legale o meno), e se siete così perbenisti da dire che queste cose non si fanno morite di fame.
          In natura non esistono paure ne ragioni, se si ha fame, si reagisce di conseguenza….
          SOLO GLI STUPIDI MUOIONO DI FAME.
          E cmq è vero, ognuno è fautore del proprio destino, piangere e suicidarsi non serve ad un cazzo.
          E almeno se volete proprio farlo, non andatevene da coglioni da soli, fate un pò di pulizia, così almeno qualcuno vi ricorderà con meno disprezzo…
          E poi qui in Italia, ci siamo abituati troppo “bene” a voler fare il minimo indispensabile, nel nostro piccolo orticello, ben vi stà se nell’orto vi è caduto un bel meteorite….

    • Funboy:

      Non concordo .
      Generalizzare non va mai bene.
      Sicuramente ci sono persone disoneste anche tra gli imprenditori che sfruttano le persone , ma ce ne sono di altrettanto oneste che prima di licenziare intaccano il patrimonio personale e finiscono sulla strada .
      Non bisognerebbe mai augurare agli altri mali e disgrazie , il Karma è una brutta bestia e tende a farci rimediare ai nostri errori molto spesso ponendoci nella stessa situazione di chi si trova nei guai.

      • DarksideOfAquarius:

        Non ne dubito, del resto ogni regola ha bisogno delle sue eccezioni!
        Concordo anche sul Karma: è per questo che lo adoro =)

  • highlander:

    Buongiorno Italia, so che sei in vendita,a prezzi da saldo !
    buongiorno Italia, so che stai per essere invasa !
    buongiorno Italia, governata dal socio americano e dalla “mafia” !
    buongiorno Italia, dove la giustizia è un concetto ormai demenziale!
    buongiorno Italia, di calcio, tette, beautiful e veline !
    buongiorno Italia, dove i meritevoli vengono isolati , umiliati e bastonati!
    Buongiorno Italia dell’innovazione, dove i laureati 110 lode fuggono all’estero !
    buongiorno Italia dei colpi di stato in cravatta!
    buongiorno Italia della politica “del fare” ….un beato c****o!
    buongiorno Italia del “tengo famiglia”, che si muovano gli altri…
    buongiorno Italia dove votare è espressione democratica….
    buongiorno Italia, paradiso di ladri e delinquenti a piede libero…
    buongiorno Italia, quanti sono morti purtroppo per difenderti…inutilmente,Poverini!!!!
    buongiorno Italia, vedo una luce in fondo al tunnel! …sono solo fuochi di puttane !
    buongiorno Italia, anzi, buonanotte!! riposa in pace!! per sempre!!
    AMEN!

    • Fabrizio:

      aggiungerei anche buongiorno italia schiavizzata, dominata, repressa da un esercito di 4 milioni di statali, babypensionati e pensionati d’oro da media 40mila euro al mese, che poi si incavolano con l’italiano (privato) che emigra all’estero per trovare un degno futuro, chissà forse si incavolano perchè ne restano sempre di meno che garantiscono il loro trono di super privilegi; ti chiedo inoltre scusa di questo mio sfogo, sfogo di chi si sente oramai sconfitto da questa super casta a cui è permesso tutto, al contrario di chi sia pur lavorando onestamente viene sempre di più oppresso al limite della schiavitù.

  • Purtroppo la situazione di questo imprenditore è la medesima di altri migliaia, incluso il sottoscritto che per non essere riuscito a pagare le tasse nel 2006 ha subito di tutto: due CC sequestrati, Auto pignorata, casa pignorata, in mezzo alla strada dal oggi al domani. Nessun imprenditore Italiano che dichiara tutto può sopravvivere, io ingenuamente l’ho fatto e mi sono rovinato. Sto ricominciando adesso, piano piano, ma l’attività sarà aperta all’estero dove le tasse sono eque. La mia solidarietà a quel signore è al 100%, spero che abbia il coraggio di ricominciare. Consiglio a tutti i giovani di non fare imprenditoria in Italia, il 78% di TASSE non possono essere versate, impossibile matematicamente e moralmente, sarebbe preferibile fare lo schiavo.

    • Enrico:

      Concordo.

      Io sono un ex-artigiano. Sempre dichiarato tutto, ed alla fine sono dovuto “scappare” dall´Italia, inseguito da Equitalia e agenzie di recupero crediti.

      Tutto (la mia casa e il mio furgone, non avevo altro) pignorato.

      E non capisco i commenti con tanto odio di chi elogia chi sta distruggendo l´impreditoriato in Italia.

      Si rendono conto che dopo la distruzione delle piccole e medie imprese, ci sará la fine anche delle pubbliche amministrazioni???

      Ora vivo un po´ piú serenamente in un paese dove le tasse complete non superano il 35% del fatturato(incassato e non emesso), dove non pagare una fattura entro due mesi dalla scadenza diventa un reato PENALE, dove ci sono doveri, ma anche diritti.

      Ciao Italia

    • DarksideOfAquarius:

      Ma certo, il capitalismo fallisce sotto ogni profilo: matematico, ambientale, sociale, economico, morale.
      La soluzione? Spostare il capitalismo così com’è, là dove non si è ancora mangiato tutto. Perchè ci sono meno tasse.
      Semplicemente geniale.
      Oh, se questi sono i “cervelli” di cui lamentiamo tanto la fuga all’estero, mi offro come Sherpa per portarvi oltreconfine in spalla, gratis, solo facciamo in fretta prima che fuori si accorgano di che pasta è fatta tale materia grigia e incomincino a spedircela indietro con gli interessi.

      • NEO:

        Chiarissimo Dark……., lasciamoli andare pure in germania,svizzera ed austria, presto capiranno cosa significa vivere in uno stato di polizia, o forse è quello che gente senza ne cervello proprio ne palle vogliono…. viel gluck…

        • Fabrizio:

          Giusto neo lasciamoli partire tutti quanti compresi i pochi che sono rimasti a produrre in italia, lasciamoli partire verso un paese che ne riconscono la dignità di persone che rischiano ogni giorno, a cui nessuno regala niente, solo che non ti chiedi chi poi manterrà il popolo di statali nelle loro sedie a cui mantenimento concorre il 78 per cento di tasse ? O sei anche tu uno di loro ?

  • Alex:

    La pressione fiscale è vicina al 72% tralasciando se il negozio o l’azienda è in affitto e con quel che rimane si devono pagare i dipendenti e tirare fuori il proprio guadagno sempre che resti qualcosa. E’ uno scandalo! Chi non capisce questo come Giorgio d.(primo commento) evidentemente si accontenta di vivere in Burundi.

  • gibuizza:

    Considero vergognoso che un comune, una provincia, una regione, uno stato non riescano neppure a risolvere questi singoli problemi. Qui non si tratta di risolvere la crisi mondiale (lo vogliono fare ma è impossibile) o la mancanza di lavoro in Italia (con molto impegno si potrebbe) ma di verificare cosa succede a qusto signore ed aiutarlo in questo particolare momento (talvolta una dilazione, un credito, un pagamento dovuto possono essere sufficienti). Certo che finchè chi conduce le danze sono signori dipendenti pubblici o parapubblici (con stipendio più che decoroso o spesso signorile e soprattutto sicuro) non riusciranno mai ad entrare in queste problematiche e a risolverle.

  • giorgio d.:

    @Alex
    Mi fai ridere,tu come pensi di risolvere la pressione fiscale?
    Hai descritto bene la mia situazione prima di chiudere l’attività .
    Popolo di pagliacci e scenografi, questo è il Burundi !

    Ma che ne sai….

  • Enrico:

    Sono 8 anni che ho partita iva ed e’ sempre peggio!
    Ogni anno mi devo reinventare lavori e orari perchè la pressione fiscale e’ arrivata a livelli insopportabili.
    Ho una bambina piccola ed a volte penso veramente che l’italia non avrà nulla da offrire alle generazioni future di italiani!
    DarksideOfAquarius se sei stato sfruttato benvenuto nel clan..
    Se avevi un contratto di merda, benvenuto nel clan..
    La tua generazione e’ lobotom tossica e mi dispiace per te che pensi di non farne parte.
    Tira fuori i coglioni e apriti partita iva e vediamo quanto campi bravo il mio esecutore di sentenze.
    DarksideOfAquarius offriti volontario come traghettatore e chi sa’ che non torni più,
    sto.lto! vai a zappare i campi invece di parlare a vanvera povero de.me.nte disinformatore!

    • Mauro Bena:

      Concordo con Funboy ed Enrico.
      Non si può generalizzare, ma soprattutto non si può invocare il male agli altri, di cui egregio DarksideOfAquarius non sai assolutamente nulla. Prima appunto prova a lavorare con la pratita IVA e poi se ne riparla. Qui non si tratta di gente che si piange addosso, ma di lavoratori onesti che hanno un reddito regolarmente dichiarato e NON riescono a sopravvivere a causa dell’ingordigia fiscale diretta che, effettivamente, ormai, ha ben che sorpassato il 65%, cui aggiungere una vasta serie di altri oneri indiretti che non si possono detrarre, ma che alla fine spolpano ancora di più il portafoglio.
      I piatti si possono andare anche a lavare se MANCA il lavoro, ma qui si sta dicendo che il lavoro C’E’ e che ciò che si incamera dal lavoro onesto viene stradannatamente succhiato di fatto dai politici incapaci; in questo caso allora i piatti vadano a lavarli loro e non le partite iva. E’ qui il nocciolo della questione.
      MB

    • DarksideOfAquarius:

      Ma perchè devo intraprendere iniziative in cui finirei col rimetterci? Per poi vantarmi di lavorare a gratis e lamentarmi al contempo che così non va mica bene. E’ come sedersi a un tavolo da gioco sapendo che il croupier imbroglia, e poi rinfacciarglielo dopo che ti ha portato via tutto. A me è questo che sembra molto stolto. Tasse insostenibili sulla casa? Se non posso sostenerle non me la compro. Difficoltà a mantenere i piccoli? Finché ho di quelle difficoltà, non procreo.
      Zappare i campi? Caspita, questo invece lo farei volentieri. Sai che pacchia rispetto a quando pulivo cadaveri di topi nei sotterranei da solo?
      Purtroppo non mi vogliono nei campi, sai perchè? Perchè sono italiano e diplomato. Cercano extracomunitari senza diplomi, in modo che non conoscano determinate normative e possano essere sfruttati in allegria e in totale mancanza di sicurezza.
      Non è vero che noi di qui non lo vogliamo fare, ma questo i grandi imprenditori lo sanno bene =)
      Per quei ragazzi sì che mi dispiace… ma finché ho la fortuna di poter non-scegliere una vita da schiavo, non la scelgo. E non penso che i coglioni c’entrino qualcosa, al massimo è questione di mero buonsenso.
      Capisco la tua rabbia e la accetto, ma ti sei scordato di darmi anche del terrorista…

  • giorgio d.:

    Per quel che ne sappiamo l’imprenditore della foto potrebbe essere un’attore,magari pagato da altri imprenditori paraculi per fare pressione politica al fine di ricevere altri fondi.
    L’abbiamo pensato in tanti di fare atti plateali ma la dignità e la fede lo ha impedito ,
    Altro che Burundi pirl..

  • gabry:

    Ma come fanno certi personaggi come i manager pubblici (inps-inail, ecc..,) e i politici, e i magistrati a campare se non paghiamo le tasse?, capirete che costoro devono mantenere il loro benefici e mai intaccare il loro status quò, se l’imprenditore si butta dal 6 piano si impicca si spara o trasferisce all’estero la sua attività, a nessuno degli individui sopra menzionati gli frega proprio niente, l’Italia ha un continuo bisogno di schiavi, ecco perché accoglie a braccia aperte i fuggiaschi nordafricani che malta ha respinto, tutte persone che un giorno trovato un lavoro con stipendi da fame, andranno poi in comune a chiedere contributi e aiuti per poter pagare affitti bollette e rette scolastiche, altre persone da aiutare quindi sempre a carico di colui che paga le tasse, ma c’è di più, essi con la loro disponibilità a lavorare con bassi stipendi, per competitività anche l’italiano autoctono sarà costretto ad adeguarsi a loro, sarà quindi venuto a meno tutto lo sforzo che i nostri vecchi fecero per dare una vita più dignitosa ai nipoti e ai pronipoti, come venne meno lo sforzo dei nostri nonni a cacciare dall’Italia i crucchi quando un certo mortadella decidette di svendere la lira.

    • Fabrizio:

      gabry sei sulla strada giusta la massoneria vuole le lotte tra classi per meglio controllare, ricchi contro poveri, disoccupati contro pensionati, privati contro statali, indigeni contro immigrati ecc. non dobbiamo biasimare che se ne va allestero per vivere più dignitosamente come persona e darsi un futuro anzi dovrebbe essere un segnale per i politici ed i governanti ma a loro nulla importa in quanto da noi la politica da decenni non esiste più, a loro importa prendere i super stipendi e ricoprirsi di super privilegi fino ache durerà, vedi argentina che quando il popolo con le padelle in mano a migliaia si sono recati al parlamento se nesono scappati con gli elicotteri, tanto tutto ciò che hanno depredato era alsicuro all’estero.

  • PIPPO:

    SIGNORI ! SOLITE LAGNE. DESTRA ,SINISTRA, RICCHI O POVERI. TASSE O NON TASSE….E VAI . MA NON VI SIETE MAI DOMANDATI PER COSA HANNO COMBATTUTO I NOSTRI NONNI ?(INDIPENDENTEMENTE DA UNA IDEOLOGIA POLITICA . SIA CHIARO) PER DARCI UNA PATRIA UN FUTURO? (OGGI LORO RACCOLGONO VERDURA DISMESSA NEI MERCATI LA LORO PENSIONE NON BASTA PIU’). E NOI ? A FARCI FOTTERE DA TUTTI QUELLI CHE PASSANO. QUINDI E MEGLIO RITORNARE AD AMARE NOI STESSI. FUORI DAI CO….NI TUTTI. SIAMO UN POPOLO DI COGLIONI . TI RUBANO IL LAVORO. OK . TI RUBANO. OK TI IMPEDISCONO DI SENTIRTI LIBERO .OK. SVEGLIA. SVEGLIA CAZZO SVEGLIA . RIPRENDIAMOCI QUANTO E NOSTRO .

    • vincenzo grippa:

      AI RAGIONE . NON FACCIAMO ALTRO CHE AZZANARCI TRA DI NOI ,MENTRE QUELLI CHE CI HANNO RIDOTTI IN QUESTA CONDIZIONE CI LUCRANO.
      COSA FARE? RIVOLUZIONE PACIFICA E CON MANIFESTAZIONI SILENZIOSE DAVANTI AI PALAZZI DEL POTERE. TUTTI I GIORNI E MI RIVOLGO A DISOCCUPATI, PENSIONATI, ETC.
      CI FU UN GRANDE UOMO CHE IN QUESTO MODO SCONFISSE IL PIU’ GRANDE IMPERO DELL’ERA MODERNA, SOLO COSI’ SI POTRA’ SCONFIGGERE I NUOVI DITTATORI E RIPRENDERCI CIO’ CHE E’ NOSTRO

Lascia un Commento

Gianni Lannes
Corso Nuova Fotografia
Antonella Randazzo
FreePC
SCIE CHIMICHE