Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!

~ Video Prova del falso Bombardamento di Halfaya ~ (Articolo+3 Video).  Questo falso del dicembre scorso ci era sfuggito; lo proponiamo in ritardo per fornire una prova, un’idea, dell’assoluta inattendibilità di Rai e La Repubblica.

IL FALSO BOMBARDAMENTO DI HALFAYA E LA VERGOGNA DEI FALSI MEDIA ITALIANI COMPLICI DEI TERRORISTI DI AL-QAEDA.

 Un ringraziamento particolare a “ la Repubblica”, insieme alla redazione e ricercatori della RAI, ed in particolare a MARILÙ LUCREZIO (redazione RAI) e VIVIANA PINTUCCI (ricerca RAI) per aver dato ampia dimostrazione di incompetenza giornalistica e supporto ai gruppi terroristici nel diffondere le loro menzogne.

HALFAYA-2Avete visto in questo brevissimo video-clip come hanno messo artificiosamente una piadina immacolata su una pozza di sangue? Semplicemente perchè non c’era pane in quel luogo, perchè non era una panetteria, o almeno non lo era più da molto tempo.

 

Quel che non si riesce a capire, se non che chiamando in causa la malafede, è come possano i media italiani, stampa e TV, prendere in considerazione e accreditare come vere le informazioni ricevute dai cosidetti “ribelli”, in realtà terroristi, assassini e tagliagole della peggior specie, che già in passato è stato ampiamente dimostrato abbiano manipolato e falsificato video e dichiarazioni stampa.

 Le bufale pubblicate su Repubblica fanno eco ai fotomontaggi video divulgati da RAI e Mediaset.

 

Nel video a seguire sono riportate entrambe: scaricatele, ricaricatele sui vostri canali e diffondetele prima che ce le blocchino e censurino.

 Immagini di diverse situazioni scollegate tra loro e con nessun nesso con l’episodio di Halfaya, sono state montate e proposte ad un pubblico già mediaticamente bombardato e annichilito, che è assolutamente inconsapevole ed incapace di discernere il falso dal vero in fotogrammi che, in pochi secondi, presentano la figura di un aereo in volo, ma non operativo, e di macerie di case, ma che non sono quelle di Halfaya.

 

Cosa se ne può dedurre? Che chi originariamente ha montato e proposto queste false notizie sia un delinquente e un truffatore. Ed infatti è così, perchè le notizie video e le dichiarazioni sono state diffuse proprio dai gruppi armati terroristici che i media italiani definiscono “ribelli”, riprese da emittenti televisive arabe corrotte, come in questo caso al-Arabia, che fanno capo ai  dittatori petrolieri del Golfo. Delinquenti e truffatori appunto: per Repubblica, RAI e Mediaset, fonti affidabili da dare in pasto al popolo. Cose da pazzi…incredibile ottusa irresponsabilità…

Siamo alle solite, il lupo perde il pelo ma non il vizio, ed i media italiani, REPUBBLICA, RAI E MEDIASET in testa, quello di mentire e turlupinare il prossimo, proprio non riescono a toglierselo.

Non ci resta quindi che prendere “carta e calamaio” e dimostrare, video e fotogrammi alla mano, come stiano in realtà le cose, quali siano le contraddizioni rilevate dalle riprese video, spiegare quale sia secondo noi la verità sui fatti Halfaya, lasciando a voi, dopo aver preso visione con calma del tutto, le conclusioni. Pochi minuti di video e testi che vale la pena di prendere in esame, se non volete avere la sensazione di far parte della schiera dei “turlupinati”.

Alcune cose si evincono comunque, inconfutabilmente, dalle sequenze video appena osservate:

1) – che non si è trattato, come vorrebbe farci credere il coro di asini raglianti dei media italiani, di un “bombardamento aereo”, ma di un’esplosione a terra, causata con tutta probabilità dalle bande terroristiche armate stesse, forse in guerra tra loro per questioni di potere e spartizione del bottino;

a) – il buco a terra è troppo piccolo per attribuirlo ad una bomba lanciata da un MIG, di cui la piu piccola avrebbe distrutto l’intero quartiere.

 

Armamento MIG:

 1 punto d’attacco centrale per un serbatoio sganciabile da 5.300 litri.

  • 4 punti d’attacco subalari per carichi bellici (solo due sulla versione da ricognizione).
  • La versione PD trasporta tipicamente 2 missili aria-aria R-40 (AA-6 Acrid) a guida SARH e 2 missili dello stesso modello a guida IR.
  • In alternativa possono essere montati missili AA-7 Apex, AA-8 Aphid e AA-11 Archer.
  • La versione RB può trasportare un massimo di 6 bombe FAB-500 in fusoliera (rinunciando al serbatoio esterno) e 4 bombe FAB-500 ai piloni subalari.
  • La versione BM può portare un massimo di 4 missili Kh-58 (AS-11 Kilter) antiradar.
    (ringraziamo per il contributo informativo sugli armamenti MIG l’amico Marino)

 

b) – le uniche macerie sono quelle del parapetto del balconcino sovrastante, ma muri della casa e balcone stesso sono integri, cosa impossibile se una bomba di un MIG fosse caduta proprio in quel punto, mentre i cadaveri sparsi intorno sono plausibili con un’esplosione a livello terra, causata da una bomba esplosa accidentalmente o con un timer dai “terroristi delle bande concorrenti sul territorio”

 

c) - se tutto ciò non è stato causato intenzionalmente da una delle bande di jihadisti che si stanno scannando tra loro come cani rabbiosi su un’osso, qualche “genio” presente sul luogo ha pensato bene di sfruttare questi “martiri” per  montare questo fake-video.

 

2) – che i morti sono forse una ventina e non trecento, e soprattutto che sono quasi tutti uomini in divisa, mentre di corpi dilaniati di donne e bambini, come dice la RAI, almeno in questo video non ce ne fanno vedere;
ed è strano, perchè se giungono a mettere artificiosamente una piadina per dare risalto alla storia della “panetteria” operativa (con piadine farcite di dinamite…), se ci fossero corpi di bambini e donne ce li avrebbero sbattuti in faccia in bella vista; ed invece, se avete fatto caso, anche tra i feriti a terra molti sono armati, con mitra a tracolla e divisa.

 

3) – che non c’è presenza di pane a parte la piadina messa sulla pozza di sangue dagli stessi terroristi che hanno maldestramente confezionato il video per servirlo agli accidiosi ed incompetenti media italiani

 

 

Solo questo dovrebbe bastare a smentire quest’ennesima truffa mediatica, montata da al-Arabia, su regia e montaggio al-qaedista, per i clienti consumatori delle testate stampa occidentali.

 

È lo stesso schema di al-Houla, ripetuto cambiando un po’ la trama, ma con stessa regia e morale: criminale e falsa.

 

I Media italiani, come l’AIDS, se li conosci li eviti, e soprattutto non credi ad una parola di quello che dicono.

 

*

 

AGGIORNAMENTO VIDEO: il Falso Bombardamento è stato registrato il 21 dicembre ma mandato in onda solo dopo due giorni, in attesa della visita dell’inviato delle NU Ibrahimi

 

 

 

24/12/2012
FFP & WA per la Redazione di SyrianFreePress.net Network

 

 

http://www.syrianfreepress.net/

 

http://tg24siria.wordpress.com/

 

https://www.facebook.com/Tg24Siria

 

http://syrianfreepress.wordpress.com/2012/12/24/12736/

 

… and much more …

2 Commenti a “~ Video Prova del falso Bombardamento di Halfaya”

  • MAURO BENA:

    Salve.
    Copiando gli URL dei video e inviandoli via mail, il corripondente dall’altra parte non riesce ad aprirli; inoltre, non si fanno registrare nemmeno con appositi programmi che li estraggono dal circuito youyube. Insomma non riesco a fare nulla.
    Attendo consigli o gli URL esatti per trasferire i video senza intoppi.
    In ogni caso, è tutta una vergogna; ma tanto, parenti, amici e conoscenti mi credono un marziano e dicono che sono in pieno delirio e che mi invento tutto. La Siria va “liberata” come è stato fatto con Gheddaffi: il concetto è questo, e temo sia difficile da sradicarlo con la forza dei giornali come Repubblica, Corriere e Il Fatto.
    Il caso Berlusconi insegna: avrebbero evaso sia Berlusconi che De Benedetti (editore de La Repubblica): però il primo viene definitivamente condannato e il secondo patteggia una cifra quietanzatrice.
    Ci salutiamo.
    MB

Lascia un Commento

Gianni Lannes
Corso Nuova Fotografia
Antonella Randazzo
FreePC
SCIE CHIMICHE