Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!

Fonte: http://www.italianiliberi.it/Edito13/la-nuova-costituzione-ungherese-che-all-ue-non-piace.html

di Ida Magli
ItalianiLiberi | 20.08.2013

Questo è il Preambolo della nuova Costituzione ungherese, molto osteggiata, come è noto, dall’Unione europea. Non c’è da meravigliarsene: lo spirito che l’anima è del tutto contrario agli intenti dissacratori dell’Europa che tende, anche se ancora non c’è riuscita, a eliminare gli Stati nazionali, l’amore per la patria, per la lingua, per la religione, per la storia di ogni singolo popolo per giungere a omologare tutti gli abitanti del continente in una massa informe, priva di sentimenti e di valori.
Gli Italiani Liberi si propongono di stringere dei legami di conoscenza e di solidarietà con l’Ungheria nella speranza che nasca finalmente, almeno fra alcuni dei paesi dell’Ue, la volontà di sottrarsi all’annientamento predisposto dai politici al servizio di Bruxelles, fra i quali eccellono i governanti italiani. L’Ungheria gode del vantaggio di non partecipare all’area euro, avendo conservato la sovranità monetaria, cosa che le ha permesso di recuperare in poco tempo un’economia in crescita e di rimborsare totalmente il prestito onerosissimo del Fondo monetario internazionale.

Ida Magli

LA LEGGE FONDAMENTALE DI UNGHERIA
(25 aprile 2011)
Dio benedica gli ungheresi

PROFESSIONE NAZIONALE

Noi, membri della Nazione ungherese, all’inizio del nuovo millennio, con senso di responsabilità per ogni ungherese, proclamiamo quanto segue:
Siamo orgogliosi che il nostro re Santo Stefano abbia costruito lo Stato ungherese su solide basi e lo abbia reso parte dell’Europa cristiana mille anni fa.
Siamo orgogliosi dei nostri antenati che hanno combattuto per la sopravvivenza, la libertà e l’indipendenza del nostro paese.
Siamo orgogliosi delle eccezionali conquiste intellettuali del popolo ungherese.
Siamo orgogliosi che la nostra gente nel corso dei secoli ha difeso l’Europa in una serie di lotte e ha arricchito l’Europa con i suoi talenti e la sua diligenza.
Riconosciamo il ruolo del cristianesimo nel aver preservato la nazione. Apprezziamo le varie tradizioni religiose del nostro paese.
Promettiamo di preservare l’unità intellettuale e spirituale della nostra nazione lacerata
nelle tempeste del secolo scorso. Le nazionalità che vivono con noi fanno parte della Comunità politica ungherese e sono parti costitutive dello Stato.
Ci impegniamo a promuovere e a salvaguardare il nostro patrimonio, la nostra lingua, così diversa da tutte le altre, la cultura ungherese, le lingue e le culture delle nazionalità che vivono in Ungheria,
insieme a tutto il patrimonio antropico e naturale del bacino dei Carpazi.
Noi ci riconosciamo responsabili nei confronti dei nostri discendenti, quindi proteggeremo le condizioni di vita delle generazioni future facendo un uso prudente delle nostre risorse materiali, intellettuali e naturali.
Noi crediamo che la nostra cultura nazionale sia un ricco contributo alla diversità dell’Unione europea.
Rispettiamo la libertà e la cultura di altri popoli, e ci impegneremo a collaborare con ogni nazione del mondo.
Noi riteniamo che l’esistenza umana sia basata sulla dignità umana.
Noi riteniamo che la libertà individuale non possa essere completa se non in collaborazione con gli altri.
Noi riteniamo che la famiglia e la nazione costituiscano la struttura principale della nostra convivenza, e che i nostri valori di coesione fondamentali siano la fedeltà, la fede e l’amore.
Noi riteniamo che la forza della comunità e l’onore di ciascuno sono basati sul lavoro, una conquista della mente umana.
Noi riteniamo che abbiamo un dovere generale di aiutare i più deboli e i più poveri.
Noi riteniamo che l’obiettivo comune dei cittadini e dello Stato sia quello di raggiungere la misura più alta possibile di benessere, sicurezza, ordine, giustizia e libertà.
Noi riteniamo che la democrazia sia possibile solo se lo Stato serve i suoi cittadini e amministra i propri affari in modo equo, senza pregiudizi o abusi.
Onoriamo le conquiste della nostra costituzione storica e onoriamo la Santa Corona, che incarna la continuità costituzionale della sovranità dell’Ungheria e l’unità della nazione.
Noi non riconosciamo la sospensione della nostra costituzione storica a causa delle occupazioni straniere. Neghiamo qualsiasi prescrizione per i crimini disumani commessi contro la nazione ungherese e i suoi cittadini, sotto le dittature del nazismo e del comunismo.
Noi non riconosciamo la costituzione comunista del 1949, dato che fece da base alla tirannide, pertanto la proclamiamo non valida.
Concordiamo con i membri del primo Parlamento libero, che proclamarono come prima loro decisione che la nostra libertà attuale è nata con la nostra rivoluzione del 1956.
Riconosciamo come data del ripristino dell’autodeterminazione del nostro paese, perduta il diciannovesimo giorno di marzo del 1944, al 2 maggio del 1990, quando si è formato il primo corpo di rappresentanza popolare liberamente eletto. Noi consideriamo questa data come l’inizio della nuova democrazia e del nuovo ordine costituzionale del nostro paese.
Noi riteniamo che, dopo i decenni del ventesimo secolo che portarono ad uno stato di decadenza morale, abbiamo un perdurante bisogno di rinnovamento spirituale e intellettuale.
Confidiamo in un futuro da costruire insieme e nell’impegno delle giovani generazioni. Crediamo che i nostri figli e nipoti renderanno di nuovo l’Ungheria grande con i loro talenti, perseveranza e forza morale.
La nostra legge fondamentale [la presente Costituzione] deve essere la base del nostro ordinamento giuridico: costituirà un’alleanza tra ungheresi del passato, presente e futuro; un quadro vivente che esprime la volontà della nazione e la forma in cui vogliamo vivere.
Noi, i cittadini provenienti da Ungheria, siamo pronti a fondare l’ordine del nostro paese sugli sforzi comuni della nazione.

(traduzione condotta sul testo ufficiale inglese)

9 Commenti a “La nuova Costituzione ungherese (che all’Ue non piace)”

  • Luca:

    Onore a questa nazione,che sia di esempio al resto del popolino europeo

  • 50 anni di comunismo (di quel comunismo) hanno insegnato qualcosa alle persone.
    Forse il riscatto contro il Nuovo Ordine Mondiale partira’ da quelle popolazioni che hanno conosciuto quel tipo di totalitarismo.
    Noi Italiani soprattutto, un giorno ci sveglieremo e porremo fine al “Rincoglionimento di massa” cui siamo sottoposti.
    Lo faremo all’Italiana, nel modo piu’ classico, semplice semplice:
    VOLTANDO BANDIERA, come per incanto!
    Eravamo 44 milioni di fascisti?
    Eravamo alleati della Germania?
    …Franza o Spagna…..
    Per questo siamo un problema per l’Europa!
    Chi si fida dei nostri politici? (finche’ riescono a RICATTARLI funziona,…ma una volta SPUTTANATI diventano arma a doppio taglio,…e di materia di ricatto e sputtanamento abbondiamo)
    Quei poveri EUROCRATI di Bruxelles-Francoforte rimpiangeranno Berlusconi, dopo averlo fatto far fuori
    A livello istintivo percepiscono il grandissimo SCOLLAMENTO fra politici italiani e Popolo Italiano e sanno che succedera’ l’inevitabile, solo che non riescono ad immaginare COME!!!
    Da noi puo’ succedere perche’ magari non daranno un Calcio di Rigore alla JUVENTUS in coppa campioni….e certe variabili non sono includibili nei loro Algoritmi!
    Sicuramente non succedera’ per un Orgoglioso Riscatto Morale del popolo Italiano, in quanto a noi e’ stato tolto l’orgoglio, la morale insieme alla voglia di combattere!
    Eppure vincera’ questa Armata Brancaleone, perche’ questo siamo
    (da rivedere il film con Gassman)
    Saluti Giovanni

    • laurama:

      Infatti, la penso come te… hai reso bene l’idea….
      per rendere omaggio ad un grande Giorgio Gaber (io non mi sento italiano, ma per fortuna o purtroppo, per fortuna lo sono):
      http://www.youtube.com/watch?v=E_xwp8d7RIo
      dell’Armata Brancaleone un paio di passaggi di un grande Vittorio Gassman:
      http://www.youtube.com/watch?v=Ry03wwuS4j8
      http://www.youtube.com/watch?v=5zyu3HZoq4I

      • Gaber ci manca tanto (..ma forse per lui e’ meglio essere morto, senno’ chissa’ quante canzoni gli toccava di comporre in questi disgraziati anni, magari rischiando anche di essere linciato perche’ stiamo derivando di brutto)
        Ringrazio per i video, sembrano proprio una foto dal vivo
        Sto aspettando un novello Badoglio…Mussolini e’ gia’ stato fatto fuori e sta tentando di organizzare la repubblica di Salo’
        Alla fine gli AmeriCANI vinceranno ancora sui tedeschi, dopo aver fatto tabula rasa dell’Italia
        …Poi verra’ la ricostruzione, il nuovo piano Marshall col quale daranno lavoro a tutti quelli che sbarcano a Lampedusa, con l’aggiunta dei cinesi che gia’ si trovano sul territorio (questi pero’ non sono venuti da Lampedusa..miracoli della scienza…ce li hanno Teletrasportati senza che nessuno se ne accorgesse…)
        Cos’e’ la destra, cos’e’ la sinistra
        Quelli di Lampedusa sono di destra ed i cinesi di sinistra…largo alle LARGHE INTESE
        (non voglio assolutamente essere irriverente verso tutti questi poveri diavoli di stranieri, che vengono da noi sperando di trovare L’AMERICA)
        Siamo tutti vittime di un colossale imbroglio e l’ultima cosa da fare e’ di mettersi a litigare fra di noi poveracci!
        Saluti Giovanni

      • laurama:

        Giovanni, io non la vedo così nera, il karma di un popolo non si ripete sempre nello stesso modo e ad un certo punto con un forte atto di volontà, il popolo tutto assieme dirà basta… l’Inno d’Italia è sempre attuale:
        “Noi fummo da secoli
        calpesti, derisi,
        perché non siam popoli,
        perché siam divisi.
        Raccolgaci un’unica
        bandiera, una speme:
        di fonderci insieme
        già l’ora suonò.”
        E non servono neppure le armi, serve solo la ferma volontà di dire basta….
        a me piace pensare che anche una nazione possa “risvegliarsi” e capire di essere come sotto un incantesimo, c’è questo breve video di “Siddharta Il Risvegliato” che rende bene l’idea al minuto 3,50 e al 10,54… se un popolo riesce a non tremare davanti agli avvenimenti (però con consapevolezza) compreso l’uso delle armi (che nel video si trasformano in petali di fiori), sarà libero da schiavitù di tutti i tipi…

      • laurama:

        Mi ero dimenticata di postare il video:
        http://www.youtube.com/watch?v=jzsiC7WMweU&feature=share
        Chiedo scusa..

        • Ti ringrazio per il video e per il positivo messaggio in esso.
          Il karma, come ben sai, puo’ anche portare a situazioni peggiori.
          Spero tanto tu abbia ragione.
          Ho un grosso timore:
          Cosa potra’ indurre il popolo italiano ad una FERMA VOLONTA’?
          Se verra’ da una presa di coscienza collettiva, allora avremo la base per una ricostruzione.
          Se invece saremo COSTRETTI dagli eventi, allora vedo tanta tanta sofferenza!
          Da cristiano posso solo pregare costantemente, con fede cieca e pazientare nonostante tutto.
          Tuttavia a volte, vengo tentato e tormentato da un desiderio di violenza.
          Gesu’Cristo disse porgi l’altra guancia…Perdona loro perche’ non sanno quello che fanno, ama il prossimo tuo come te stesso…
          tuttavia caccio’ anche i mercanti dal tempio ed invito’ a legarsi un macigno al collo, piuttosto che dare scandalo ai bambini
          Siamo purtroppo limitati dallo spazio-tempo e la nostra visione delle cose e’ limitata a quei 70-80 anni che siamo su questa terra, con tutta la relativita’ del caso.
          ( ti chiedo, senza spirito di provocazione, se tu senti un bambino piangere e lo vedi che piange riesci adessere come Siddharta?
          Forse non e’ un caso che siamo continuamente bombardati da spiacevoli notizie, una cosa voluta per impedirci di essere “Sopra le cose?”)
          Fanno di tutto per trascinarci verso il basso, come nel video proposto!
          Tanti saluti, per un po’ di giorni saro’ assente,
          Giovanni
          P.S.
          Forse i nostri bis-bisnonni stavano meglio, in quanto non sapevano degli tsunami o terremoti vari nel mondo e la loro coscienza non veniva sollecitata a “mandare un SMS da 2 euro……pacificatore

      • laurama:

        La presa di coscienza collettiva si verificherà quando avremo raggiunto la cosiddetta “massa critica”… (mi sembra che ci stiano lavorando in tanti compreso questo sito) però appunto, se non ci si arrivasse prima e dovesse essere invece una reazione agli eventi, allora certamente avrebbero il sopravvento la rabbia e la sofferenza.
        Per la tua domanda ti risponderò che un bambino che piange non lascia indifferente nessuno, però quello che sto scoprendo è che certe situazioni si verificano proprio per farci stare male, di conseguenza se ci riuscisse di “applicare” il distacco dalle situazioni, potrebbe essere che queste non si verifichino più (anche questo potrebbe essere considerato un atto di “fede” cioè non giudicare emotivamente una situazione…), ma senza impedirci di agire aiutando in ogni caso il bambino che piange .
        Saluti anche da parte mia.

        p.s. (Sembra che la “rabbia” di Gesù nel tempio fosse una rabbia lucida, senza emozioni…)

        • laurama:

          Non mi sono espressa correttamente… non “per farci stare male” , ma alcune situazioni si verificano proprio perché ci “fanno -ancora- male”… spiegare il perché di questo è un po complicato…

Lascia un Commento

Gianni Lannes
Corso Nuova Fotografia
Antonella Randazzo
FreePC
SCIE CHIMICHE