Cerca 

FreePC

 

Trovaci su Facebook

 

PAOLO MALEDDU

 

Enneagramma Biologico

 

SCIE CHIMICHE

 

Gianni Lannes

 

Ho visto un (figlio di) re
Redazione | 08-12-2013 Categoria: Mondialismo Stampa

Napolitano contestato a Milano - http://www.youreporter.it/video_Scala_Napolitano_contestato_all_uscita_dall_hotel Qualche applauso, ma soprattutto fischi all'uscita di Napolitano dall'Hotel De Milan in via Manzoni. Il Presidente della Repubblica è uscito alle 17.55 per salire su un pullmino che l'ha accompagnato fino al Teatro, qualche centiaio di metri più in là. In attesa dell'uscita di Napolitano si era assiepata molta gente. C'è chi l'ha applaudito, ma molti sono stati soprattutto i fischi. Proprio le probabili contestazioni devono aver spinto le autorità a far giungere comunque in auto Napolitano al Teatro nonostante la vicinanza della Scala all'Hotel de Milan. Fonte: http://www.ilgiornale.it/news/interni/napolitano-parlamento-legittimo-974241.html?utm_source=Facebook&utm_medium=Link&utm_content=Napolitano:%2B%22Il%2BParlamento%2B%C3%A8%2Blegittimo%22%2B-%2BIlGiornale.it&utm_campaign=Facebook+Page Napolitano: "Il Parlamento è legittimo" Dopo la sentenza della Consulta, il presidente della Repubblica fa asse col costituzionalista Zagrebelsky e rifiuta l'interpretazione dell'illegittimità del Parlamento Luca Romano - Dom, 08/12/2013 - 11:17 commenta Dopo la sentenza della Corte Costituzionale sul Porcellum, il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, fa asse con il costituzionalista Gustavo Zagrebelsky e rifiuta l'interpretazione dell'illegittimità del Parlamento. Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano "Apprezzo molto la risposta di Zagrebelsky oggi e di Onida ieri: gli argomenti dal punto di vista politico e istituzionale sono inoppugnabili e vanno nella direzione opposta di chi dice che il Parlamento è delegittimato", ha affermato il capo dello Stato. CONTENUTI CORRELATI Il governo dei giudici? Oggi, in una intervista a Repubblica, Zagrebelsky sostiene che il Parlamento attuale "è delegittimato, ma non annullato" e che i 148 deputati "abusivi" possono sperare. Secondo il costituzionalista, Grillo non ha ragione e lo schiaffo della Consulta non avrà effetti. Insomma, il giurista sostiene che "per il principio di continuità dello Stato: lo Stato è un ente necessario. L'imperativo fondamentale è la sua sopravvivenza, che è la condizione per non cadere nell'anomia e nel caos, nella guerra di tutti contro tutti." Qualche giorno fa, il presidente emerito della Corte Costituzionale, Valerio Onida, aveva dichiarato: "Non possiamo vivere senza una legge elettorale, questo è evidente, quindi occorrerebbe che il Parlamento provvedesse ancora prima che escano le motivazioni della sentenza della Consulta, la pronuncia di incostituzionalità colpirà la legge elettorale, non gli atti che hanno condotto alla formazione delle Camere". Differente invece l'opinione di Alberto Capostosti, anch'egli presidente emerito della Consulta che, in una intervista a Qn, ha sostenuto che "dal giorno dopo la pubblicazione della sentenza,questo Parlamento è esautorato perché eletto in base a una legge dichiarata incostituzionale. Quindi non potrà più fare niente, e questo è drammatico".

Per inserire un commento è necessario creare un account Registrati


Commenti (2)

Scritto da leopardo
09-12-2013 11:12

dovreste eliminare il video sui disordini alla Scala, perché insieme ad esso si insinua, piratamente , la pubblicitá noiosissima della lavazza(che adesso non acquisteró MAI).

Scritto da leopardo
09-12-2013 11:12

dovreste eliminare il video sui disordini alla Scala, perché insieme ad esso si insinua, piratamente , la pubblicitá noiosissima4 della lavazza(che adesso non acquisteró MAI).

Area Utente

 

COOKIE

 

ULTIMI COMMENTI

 

Brainup

 

ENZO RAFFAELE

 

Pubblicità

 

 

ARTICOLI NICOLETTA FORCHERI