Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!
http://www.ntr24.tv 

Chiusa ufficialmente la Scuola Allievi Carabinieri di Benevento. La bandiera consegnata alla Legione di Roma

Chiusa ufficialmente la Scuola Allievi Carabinieri di Benevento. La bandiera consegnata alla Legione di Roma

9 / 12 / 2013 - E’ stato il comandante della Legione Allievi Carabinieri, il generale Antonio Bacile, ad officiare, questa mattina, la cerimonia di chiusura della Scuola Allievi Carabinieri “Francesco Pepicelli” di Benevento.Una giornata emozionante che ha visto il momento più toccante nella consegna della bandiera della scuola sannita alla Legione di Roma. Il tricolore, presente nel Sannio dal 15 ottobre 1983, sarà donato al museo di storia militare dell’Arma.“E’ una giornata difficile da affrontare – ha spiegato il generale Bacile –. Oggi chiude la sua attività un’istituzione che era divenuta un punto di riferimento per l’Arma”.

“La scuola Allievi Carabinieri – ha commentato il comandante dell’istituto, il tenete colonnello Giuseppe Genovese – conclude la sua missione dopo sei lustri di vita, con all’attivo oltre 200 corsi e 70mila unità addestrate. A queste si aggiungono nel triennio 2009-2012 altri 200 vice brigadieri licenziati dalla struttura sannita”.

“Oggi si chiude un pezzo di storia cittadina – ha concluso Bacile -, ma bisogna andare avanti”. La bandiera, intanto, va via e con lei il personale. La struttura, invece, resta e ora bisognerà capire cosa ci sarà nel futuro del complesso del viale Atlantici.  …

In attesa della polizia europea?

 

16 Commenti a “SOPPRESSIONE DELL’ARMA”

  • Voglio credere che queste smentite possano avere credito, rimane il fatto che viene comunque di fatto la chiusura della Scuola Allievi Carabinieri.

    Eurogendfor, Unione Europea e Carabinieri, storia di un grande equivoco – See more at: http://www.italnews.info/2013/12/21/eurogendfor-unione-europea-e-carabinieri-storia-di-un-grande-equivoco/#sthash.vJd4HYl5.dpuf

    Arma dei Carabinieri ed Eurogendfor: il futuro della benemerita

    qui la raccontano diversamente

    Staremo a vedere come procederanno (visto che la base centrale e´ a Vicenza in casa nostra)

  • Paolo Lamperti:

    E che ne sò? Qua le info scarseggiano.

  • durga:

    Se effettivamente i Carabinieri saranno aboliti e sostituiti dall’ Eurogendfor (non so se succedera’, corrono voci contrastanti), se i Carabinieri non si ribelleranno, anche con la forza, non per il proprio interesse, ma per poter continuare a difendere la popolazione italiana, mi spiace, ma vuol dire che non sono all’altezza delle loro tradizioni e sono diventati dei vigliacchi.

  • bruno:

    se il popolo non si riunisce davanti alle caserme dei carabinieri per sostenerli e difenderli anche lui non è all’ altezza………….
    E UN VIGLIACCO
    con affetto
    bruno
    solo tutti uniti possiamo vincere
    ALZIAMOCI E PARTIAMO

  • Irving:

    Durga…Sà cosa vuol dire il motto che da sempre contraddistingue l’Arma dei Carabinieri che recita “Nei secoli fedele” e l’altro motto non ufficiale con il ” USI OBBEDIR TACENDO E TACENDO MORIR” Se non lo sà vada ad informarsi, quale siano il loro Ordinamento facente parte dell’insieme di corpi militari e civili dello Stato, o di enti pubblici territoriali, con cui si mira alla rimozione di tutte le cause che possono ostacolare la tranquilla e ordinata convivenza civile o ledere gli interessi legittimi dei singoli e che hanno funzioni nel rispetto delle Istituzioni e di tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica e possono essere utilizzate anche per il servizio di pubblico soccorso (art. 16, co. 1 e 3, l. n. 121/1981). (terremoti,sconvolgimenti naturali e disastri).Le Forze dell’Ordine,
    ai sensi dell’art. 16 della l. 121/1981 ne fanno parte: la Polizia di Stato, l’Arma dei Carabinieri, la Guardia di finanza, nonché la Polizia penitenziaria e il Corpo forestale dello Stato. Non sono pochi gli appartenenti a qull’Arma che si sono sacrificati o immolatesi nel corso della storia,per proteggere o salvare altre persone a discapito della propria vita ! Quella offesa che lei ha scritto, riguarda lei, che vigliaccamente scrive in anonimato e spero che venga denunciato ed identificato,per aver offeso pubblicamente una Istituzione dello Stato che si prodiga anche alla sua sicurezza!

    • durga:

      Pur non essendo istruita come Lei, conosco i motti che Lei cita. Solo che in situazioni di emergenza “Ubbidir tacendo eccetera” puo’ diventare inutile. E proprio perche’ ho, o avevo, grande rispetto per i Carabinieri, per quelli che si sono sacrificati in passato, vedere che essi possono essere aboliti. o che non faranno nulla contro la palese distruzione dell’Italia mi sconforta. Noi che commentiamo siamo vigliacchi perche’ non facciamo nulla di concreto? Puo’ darsi, ma se non lo fanno neppure i Carabinieri che sono pure armati! E Lei che cosa fa?

  • ma perche’dovrebbero ribellarsi?non credo proprio che in tal caso perderebbero il lavoro,semplicemente verrebbero”diversamente inquadrati”tutto qua’…

  • archimede:

    Viale Atlantici = Atlantistici= Globalisti-

  • rudolf05:

    L’abolizione del Complemento per gli Ufficiali e della Leva per la truppa, la chiusura di sedie reparti di eccellenza (cfr Artificieri nelle Isole) nonchè della Scuola Allievi Effettivi, rappresentano dei dati chiari, anche in assenza di conferme “ufficiali”. D’altro canto, la riduzione della vigilanza sul territorio, la chiusura notturna di molte stazioni nemmeno marginali, le crescenti difficoltà per il cittadino a presentare denuncia o querela per asserita mancanza di organico, ci danno un charo quadro delle intenzioni dell’Arma e purtroppo del destino che le si prepara.

  • “L’OLIGARCHIA EUROPEA HA BISOGNO DI UN ESERCITO”.

    Un esercito “NON” per combattere forze esterne, ma per reprimere sommovimenti e dissensi interni alla UE.

    Nazionalismi e populismi nascono dal malcontento popolare, eppure senza il consenso popolare è stata costituita questa polizia sovranazionale, chi ci rimetterà saranno sempre i popoli a favore di una élite che agisce in segreto e a porte chiuse

    Il 19 dicembre 2013 si è tenuto un consiglio europeo proprio sulla difesa europea

    • Paolo Lamperti:

      Concordo, gli eserciti hanno il compito primario di reprimere attacchi interni da sempre.
      Entrano in gioco, coadiuvando o sostituendo la polizia ordinaria.
      La maggiore preoccupazione di chi ingrossa organici e mezzi militari, è il collasso interno non l’attacco esterno.
      Gradino fondamentale per poter avere questo controllo è l’eliminazione dell’esercito di leva, tra le cui fila è molto sporadica la presenza di mentalità militaresca.
      Quindi le forme di reclutamento odierne sfruttano 2 condizioni presenti nella recluta, la predisposizione al controllo coercitivo e il bisogno occupazionale garantito dallo stato.
      Quando queste 2 condizioni sono presenti nell’individuo, questo è l’elemento più adatto ad assolvere questa professione.

      • E’ proprio così Signor Paolo, questo tipo di esercito sovranazionale è stato costituito apposta per sedare rivolte popolari, come è successo in Grecia, vengono usate forze di polizia estranee alla nazione per un fatto emotivo di appartenenza connazionale; manganellare e/o incarcerare senza sensi di colpa di appartenere alla stessa nazione.

        • Paolo Lamperti:

          Quella che lei giustamente descrive non è una concausa, è l’effetto di dell’aver tolto il servizio di leva obbligatorio, dove la partecipazione ad atti di controllo sociale infine violenti non poteva rientrare nella mentalità di una massa critica sufficiente allo scopo.
          Ora questa massa critica ( allo stato brado ) si può formare solo sul lato opposto(interno). Per questo gli input costituiti dai 2 fattori, posto retribuito garantito e sentimento sadico (per dovere di sintesi), sono quelli su cui il “potere” investe.
          Per evitare che “il lato opposto”(sempre interno) vada fuori controllo, il “potere” vi esercita una vigilanza costante fatta di allarmismi e soluzioni precauzionali tale da giustificare il masochismo
          del cittadino che paga qualcuno che lo protegga dai criminali, cosa che normalmente non avviene,tranne le eccezioni … con le loro ben note conferme.
          A me ricorda tanto un’azienda zootecnica.

      • Sawa Selvatico:

        Quindi appare logica la proposta di immettere immigrati esteri in un servizio di leva “pro cittadinanza”.

        Siete pronti all’annichilimento sociale?

  • l’alternativa e’ 1:tenerci i carabinieri,che costano un botto,che ci ignorano quando abbiamo bisogno di sicurezza e che ci riempiono di manganellate quando ci azzardiamo a protestare oppure,2:prenderci i gendarmi europei che…fanno lo stesso…praticamente siamo nelle peste…

Lascia un Commento

Gianni Lannes
FreePC
Antonella Randazzo
SCIE CHIMICHE
Corso Nuova Fotografia