Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!

BUONANOTTE CAVIE ITALIANE

di Gianni Lannes

I bambini ci osservano. Oggi nella solita indifferenza generale di una nazione in cancrena avanzata, l’aerosolterapia bellica della Nato a bassa quota (in aerovie notoriamente militari) sui centri abitati è ancora in onda mentre scrivo. Ininterrottamente, giorno e notte, e senza pietà per i piccoli esseri che si sono appena affacciati alla vita e già risultano sempre più privi di un sano respiro, mentre i grandi si ammalano di malattie neurogenerative innescate dall’alluminio e dal bario disperso nell’aria dagli “Alleati”.

Di recente, l’irrorazione di sostanze tossiche dall’alto dei cieli è stata intensificata sempre più, grazie alla copertura offerta dagli illegittimi e abusivi parassiti che siedono – per interesse straniero – al governo al quirinale e in parlamento. E grazie oltremodo all’omertà degli scienziati italiani (si fa per dire!) e alla connivenza della Stato maggiore difesa e di tutto il corpo marcio dell’Aeronautica militare tricolore, venduta già ai tempi della strage di Ustica, con i suoi caporioni ingrassati a furia di tradimenti della patria e mazzette per vendere armamenti.

Le velature chimiche ormai oscurano la luce del sole. Mi piange il cuore per i bambini, ignari, innocenti e indifesi dalla specie umana più deleteria che madre Natura abbia mai incontrato sul suo cammino evolutivo. Di tanti adulti non so più che pensare, tanto sono codardi, ingordi e vili.

I bimbi ci osservano. “Papà, guarda il cielo piange”! Verrà il giorno in cui questi criminali pagheranno amaramente questo genocidio in atto, grazie soprattutto alla nostra colpevole inerzia risolutiva. A che serve essere vivi e vegeti se non si ha il coraggio di lottare per la vita?

https://www.fas.org/sgp/congress/2001/hr2977.pdf

15 Commenti a “BUONANOTTE CAVIE ITALIANE”

  • Pierluigi:

    Il senso di impotenza è grande, più ne parlo, più la gente mi guarda come dicessi fesserie. Non riescono a vedere più in la del loro naso, non alzano la testa, non osservano il cielo, non si informano, non vogliono sapere. I mandando gongolano, hanno un gregge da irrorare senza fastidi di sorta.

  • Maurizio:

    Come sempre un grande ringraziamento a Gianni Lannes….Ho comprato e letto in un sol boccone il suo ultimo libro Terra Muta…( scie chimiche , haarp etc….).Prove, prove e prove…questo e’ quello che ho avuto leggendo il libro.
    Tutto avviene sotto i nostri occhi….basta un po’ (non dico tanto) di buon senso, un minimo di osservazione e di ragionamento….Poi basta un minimo di informazione….Invece la maggioranza delle persone pensa ad altro….è guai se gli dici qualcosa….
    La conoscenza può aiutare a prendere consapevolezza……
    Maurizio Calvo

  • WBM:

    Ma questi fantocci filo USA che ci governano, cosa pensano che da queste scie chimiche verremo contaminati soltanto noi comuni cittadini, e che loro invece ne rimarranno immuni? Se lo pensano per davvero sono dei gran coglioni oltre che traditori della Patria, stuprata quotidianamente dagli stranieri grazie a loro.

    Renzi vorrebbe il TSO per quelli che credono all’esistenza delle scie chimiche, ma se per sua disgrazia dovesse avere problemi di salute dovuti a questo cosa dirà?!

  • medora:

    La tristezza stringe il cuore ogni giorno di più…la solitudine di chi riesce ancora ad alzare gli occhi verso questo strano cielo è palpabile. Cosa fare più che informarsi e cercare di informare?

  • Michele:

    Ciao Gianni leggendo i tuoi articoli,cresce dentro di me sempre con maggior
    intensità un senso di impotenza fisica e intellettuale che noi adulti e solo
    noi adulti possiamo permettere di far esistere davanti a dei fatti che sono
    sotto gli occhi di tutti ma soprattutto sopra la testa di tutti.il fenomeno
    delle scie chimiche ,che tu è molti di noi io compreso,quotidianamente
    sopportiamo quasi impotenti ,non riesce ad emergere con il giusto peso e
    coscienza nella collettività ,per svariati motivi.quale potrebbe essere la
    leva per far emergere un problema di così alto impatto sociale,ma
    soprattutto umano?quali sono le coscienze più sensibili e innocenti e
    talvolta spregiudicate, proprio per la loro natura,che esistono nella
    società attuale e futura in grado di essere formate informate e istruite in
    modo che si possa giungere alla verità su certi problemi che chi sa tenta di
    soffocare o nascondere dietro a false verità ? Secondo me sono i nostri
    bambini .solo loro possono smuovere certe pedine se formati e istruiti e
    sensibilizzati nella giusta maniera.sono loro che non si fermano davanti a
    niente perché proprio per la propria innocenza vogliono che gli sia detta la
    verità ,la formazione dei bambini deve partire da persone in grado di dar
    loro gli elementi giusti affinché possano rendersi conto di ciò che sta
    accadendo.in primis i genitori che comincino a parlare di questo ma in modo
    corretto e informato non distorto,far in modo che il bambino coinvolga altri
    bambini in modo da formare una rete di informati,in modo che questi bambini
    siano sensibilizzati e coinvolgano a loro volta i loro genitori e che questo
    si allarghi a macchia d’olio.ovvio che taluni genitori negazionisti faranno
    di tutto per rimuovere dai loro piccoli tali pensieri è o domande,ma il
    bambino di fronte alla realtà visiva quotidiana di ciò che vede e assiste
    rimarrà col dubbio se ciò che dice papà e’ vero o no.al bambino è stato
    insegnato che il bianco è bianco ed il nero è nero e non viceversa.Il
    fatto
    è che l’informazione deve essere quotidiana e convincente perché tutto possa
    proseguire altrimenti si perde la lezione.secondo penso che fare degli
    incontri formativi collettivi ai bambini con persone adeguate e informate
    renda il tutto più interessante ma soprattutto il bambino recepisce e
    ricorda molto di più .successivamente all’incontro che deve essere stato
    interessante formativo sensibilizzante e piacevole il bambino può essere
    incentivato a diffondere l’interesse ad altri bambini che possono essere
    invitati al successivo incontro o ad una manifestazione con davanti i
    bambini e così via in modo che più se ne parla più gente sa ,soprattutto se
    vi sono carte e documentazioni credibili ,su questo non ho dubbi che
    esistano,da divulgare per informare chi ascolta.
    Ciao Gianni

  • Atos:

    Come hanno già detto altri, il senso di impotenza viene accresciuto dal fatto che non riesco nemmeno a sensibilizzare chi mi circonda.
    Se parlo di scie chimiche o peggio di terremoti artificiali vengo spesso deriso.
    Noto che chi non accetta quanto dico si aggrappa con tutte le sue forze alle sue certezze senza accorgersi che io porto prove e ragionamenti logici, mentre lui produce giustificazioni fondate sul nulla (del tipo ma figuriamoci se…., allora sarebbe come….).
    Frustrante

    • laura:

      confermo atos.. stesso senso di impotenza e derisione…
      qualche sera fa ero ad una cena tra amici, tutti mediamente intelligenti, e ho chiesto loro:
      - Ma voi lo guardate il cielo ogni tanto???!!!
      - il cielo? ma insomma, dipende, non ci piace tanto come canale…
      - ????
      Mi è scesa la catena, che c—-o puoi dire dopo una risposta così???
      Angustiata.

  • patmar111:

    Oggi 20 gennaio, sulla mia cittadina ai piedi delle Alpi, per un’oretta si sono aperte le nuvole ed è apparso il sole…….velato.
    Il reticolo di scie era impressionante. E’ tutto il mese che ci irrorano in modo esagerato ma se ne parli ti guardano straniti e con quel mezzo sorrisetto come si guarderebbe qualcuno che ha del tempo da perdere e si riempie la testa andando a leggere su internet di strane teorie .
    Poi ti fanno la domanda delle domande ” Ma chi, chi fa queste cose” ed alla tua risposta arriva la seconda domanda delle domande ” Ma perché farebbero ciò” cui segue l’affermazione che sui giornali e alla televisione nessuno ne parla,….. e allora, purtroppo, lasci perdere perché non ce la fai a sopportare lo sguardo ironico ed il sarcasmo man mano che cerchi di raccontare cosa hai letto, cosa pensi, cosa credi e li inviti ad alzare gli occhi al cielo e a chiedersi come mai un aereo di linea lascerebbe una scia a cavatappo.
    Se li inviti ad informarsi, se dai loro dei riferimenti, il nome di siti (e ce ne sono a centinaia ormai) affinché prendano coscienza ti rispondono che non hanno tempo.
    Forse preferiscono non porsi il problema.
    Infine, viene da chiedersi se i criminali che sono a capo di tale progetto si ritengano immuni, con tutta la loro discendenza, dalle conseguenze che tali operazioni causano e che causeranno.

  • a Michele 12.16
    Amico! cerca di trasformare quel senso di impotenza in qualcosa che possa risolvere.

    Questo messaggio è destinato a Persone di Cuore che vogliano apprendere una soluzione concreta, forse unica al mondo visto come vanno le cose.

    Chi avrà fiducia piena in questo scritto e si impegnerà nella pratica, lasciando perdere convinzioni varie limitanti, potrà risolvere molto più di quanto possa pensare continuando nella pratica quotidiana. Da ricordare che siamo Noi stessi a stabilire i Nostri limiti.
    Si tratta di una sorta di meditazione sull’attuale situazione che gradualmente si trasforma nel risultato finale desiderato, in armonia con le regole Universali.

    Un esempio per iniziare e prendere fiducia che anche altro sarà possibile: prendiamo di mira una nuvoletta con la ferma intenzione di farla svanire, preleviamo Prana con il Chakra di una mano e lo inviamo con l’altra sul soggetto, visualizzando mentalmente la graduale sparizione fino a vedere solo il blu; serve totale fiducia o convinzione e distacco dal risultato.
    Avremmo dapprima chiesto al Prana che per favore faccia quell’operazione ed ora lo ringraziamo.
    Lasciamo passare qualche minuto senza intrometterci e poi osserviamo.

    Qualcuno dopo di ciò mi ha detto: incredibile. Dico io, cosa c’è di incredibile se Ti sto dicendo come fare e quale sarà il risultato?, piuttosto sappi che puoi fare molto più di questo se continuerai a darmi la Tua fiducia come hai fatto ora.
    E’ giusto che una Persona provi prima questo semplice metodo perché avrà bisogno di grande fiducia per fare altro che potrebbe sembrare molto più difficile od impegnativo, ma di fatto non lo è.
    Orbene, così come è possibile far svanire la nuvoletta, è altrettanto possibile attenuare od eliminare piogge insistenti e forti, grandinate, cicloni, uragani e terremoti.

    Strumenti indispensabili per la riuscita, che se ben ordinati, perfezionati, sublimati, almeno durante il tempo speso per il trattamento, producono l’esito desiderato in poco tempo.

    Sentimento di servizio al Signore Supremo, Compassione, Visualizzazione, totale fiducia o convinzione, distacco dal risultato, uso del Prana in forma di luce bianca brillate densa e naturalmente concentrazione, sopratutto su un risultato finale armonioso; es. Persone felici che si aiutano, piante ricche di ottima frutta, acqua pura, uccellini che si avvicinano senza timori ecc. e non di meno che padroni nascosti inizino ad amare, cantare la Sacra sillaba OM per un innalzamento di coscienza collettivo, continuare finché si sentirà tutto ciò come già fatto.

    Nel caso di terremoti, sarà utile pensare che forse la Terra stessa ha bisogno del Nostro aiuto; i vulcani, anche loro stanno chiedendo aiuto, AIUTIAMOLI per favore.
    Se lo farete usando Cuore, lasciandovi ispirare, dando ampio spazio alla fantasia, potreste riuscire fin dalla prima volta; è chiaro però che se la situazione è molto pesante, si dovrà farlo anche più volte al giorno e magari in più Persone sintonizzate.
    Amici, Credo non abbiate molte altre scelte, è tempo di cambiamento, utilizzate per favore questo metodo che ho nominato SuddhaPrana, può effettivamente risolvere i problemi e se lo facciamo con sentimento di Compassione a scopo risveglio, ne consegue anche un avanzamento Spirituale.

    Quella situazione che in TV definiscono come alta pressione o anticiclone, non è altro che il risultato del SuddhaPrana (Puro Prana), che guarda caso è sempre in questa zona.

    E’ estremamente importante diffondere al fine di evitare una graduale distruzione dell’Umanità ed accrescere inoltre la consapevolezza di essere effettivamente CREATORI, tramite un pensiero accompagnato da forte emozione compassionevole.
    Credere in questo scritto equivale a credere in Voi stessi.
    Con quanto Amore possa disporre, auguro che molti possano trarre Beneficio immediato da quanto scritto.
    Renzo NuvolHarì

  • Cosa possiamo fare?

  • highlander:

    … pregare che anche gli altri prendano coscienza e la possano diffondere.

  • Aldo:

    Nuvole, nuvole nuvole.
    È sempre coperto, sempre.
    A volte, per una ventata in quota, il letame aerosparso si sposta e si vede il sole per 10 o 20 minuti.
    Per il resto, da un mese, coperto fisso.
    Inolltre sento un continuo ronzio a circa 68 hz, a volte più tenue, a volte più forte, quasi assordante.
    Prima che qualcuno contesti, non ho nessun problema uditivo e non è un ronzio di rete, tipo trasformatore, anche se ci assomiglia molto.
    I trasformatori in europa emettono 50Hz, 100Hz, 150, ecc.
    mentre quelli collegati alla rete elettrica usa vibrerebbero a 60, 120, 180 ecc, ammesso di sentirli da qui..

    Aldo

    • gianmarco:

      Ciao aldo sono Gianmarco mi spieghi meglio del tuo ronzio perché ce lho anch’io.
      Saluti
      Gianmarco.

      • Aldo:

        Tutti lo sentono. È un fenomeno mondiale. Cerca “Hum” o “Taos Hum”
        Una vibrazione avvertibile ovunque (erroneamente avevo detto ronzio) che si sente da almeno 10 o 15 anni. A volte è quasi assordante. Sembra un rumore di camion al minimo e si sente continuamente, quando più forte e quando più debole.
        Se uno non ha le orecchie cementate lo deve sentire. L´unica cosa che ho notato e`che per un paio di giorni dopo funkushima, il rumore cessò, evidentemente avevano spento gli impianti. Altra annotazione: la vibrazione si sente anche durante i periodi di black-out, il che mi fà pensare che non sia un fenomento alimentato localmente.
        La frequenza non corrisponde alle frequenze di rete o sue armoniche, quindi non è il vibrare di un trasformatore e inoltre si sente pure in aperta campagna, in zone completamente disabitate, lontano da impianti di ogni tipo.

        Questo è quanto sò.

        Aldo

Lascia un Commento

Gianni Lannes
FreePC
Antonella Randazzo
SCIE CHIMICHE
Corso Nuova Fotografia