Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!

Link: http://www.movisol.org/09news232.htm

dubai3 dicembre 2009 (MoviSol) – Quella che viene chiamata la “crisi di Dubai” è in realtà il crollo del sistema monetario globale centrato a Londra. Lungi dall’essere un luogo periferico, Dubai svolge un ruolo chiave nell’organizzazione di riciclaggio dei proventi criminali dell’impero.

La cosiddetta crisi è diventata ufficiale il 25 novembre, quando Dubai World, l’azienda della famiglia reale dell’Emirato, ha chiesto una moratoria sui debiti di sei mesi. Dubai World ha circa 60 miliardi di dollari di debiti, la metà dei quali verso le banche europee. L’annuncio ha ovviamente provocato una frana nei mercati azionari di tutto il mondo, colpendo particolarmente i titoli bancari.

I debiti di Dubai World hanno finanziato una delle fantasie più bizzarre dell’attuale bisca finanziaria: trasformare il Dubai in un centro ricreativo internazionale creando isole artificiali, centri commerciali, hotel di lusso e torri vertiginose piene di ogni amenità, tranne che il buon gusto. Il sistema è sembrato funzionare per un po’, ma poi il sistema finanziario è scoppiato, e i valori immobiliari sono crollati del 50%.

Ma l’ammontare del debito e dei valori immobiliari è quasi triviale, paragonato ai flussi di denaro sotterranei che formano l’economia di Dubai. Questo piccolo emirato è il centro del mercato nero dell’impero, la capitale finanziaria del flusso di denaro sporco della droga e di altre attività illecite. Dubai oggi svolge un ruolo simile a quello di Hong Kong all’inizio dell’Impero Britannico, e ospita nei suoi grattacieli i più potenti narcotrafficanti, tra cui i signori della droga dell’Afghanistan. Questo è il segreto della sua fortuna come centro finanziario.

Dubai è gestito completamente da Londra, costruito con soldi della City e da imprese di costruzione del Regno Unito. La maggior parte degli enti governativi ha un membro della famiglia reale come titolare, e un suddito britannico come vice e vero manager. Non dovrebbe sorprendere che lo sceicco Mohammed, il sovrano di Dubai, si è recato a Londra per incontrare la Regina Elisabetta, il Primo ministro Gordon Brown e altri dignitari della City nei giorni immediatamente precedenti all’annuncio di moratoria. Come ha poi dichiarato lo stesso sceicco, la cosa è stata “accuratamente pianificata in anticipo”.

Un Commento a “La crisi di Dubai è la crisi del sistema dei “salvataggi” centrato a Londra”

Lascia un Commento

Gianni Lannes
FreePC
Antonella Randazzo
SCIE CHIMICHE
Corso Nuova Fotografia