Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!

Per ulteriori Informazioni e per leggere altri e nuovi articoli dell’Autore: ESCOGITUR.IT

(membri del Politburo Sovietico nel 1917)

di Araì Daniele

Tutti i popoli in tutti i tempi, così come la stragrande maggioranza dei viventi, sanno che la natura da sola non è sufficiente a spiegare l’uomo, che l’esistenza umana è legata a un fine che trascende la vita terrena. Non ci può essere quindi scienza, filoso­fia, storia o politica a sé stante, di natura puramente terrena, laica.

Non vi è dubbio che la ragione possa, con le sue speculazioni, analizzare i fenomeni del corpo, ma, proprio perché incapace di afferrare il fenomeno dell’anima, essa non è in grado di spiegare l’uomo nella sua essenza. La fisiologia, la psicologia e la sociologia sono impotenti a spiegare il destino della vita umana. Non c’è in noi una sola facoltà che non rimandi al suo termine spirituale, affinché l’armonia del naturale col soprannaturale nella creatura umana dia frutti, anche terreni. Qualsiasi filosofia che preten­da determinare il fine dell’uomo per mezzo della sola ragione è fatata al fallimento.

Leggi il resto di questo articolo »

Chi volesse leggere la prima parte clicchi QUI

 

 

 

Come dal letame nascono i fiori, così da quel Pirla delle Perle nascono suggerimenti involontari e indicazioni di verità. Lui, l’Innominabile, pensa di essere spiritoso e invece se lo si chiamasse “Demolition man” sarebbe un bel titolo per lui. Azzeccato.

Tutte le sue energie mentali sono impegnate a combattere principalmente quattro o cinque ricercatori indipendenti, con particolare predilezione per Rosario Marcianò.

Il sospetto che sia pagato per farlo è altissimo, aggettivo superlativo che fa rima col suo cognome. Tuttavia, voglio qui pubblicamente ringraziare il Pirla delle Perle per avermi fatto accendere una lampadina in testa.

Poiché riporta la telefonata tra il regista Varo Venturi e Paolo Franceschetti, resa pubblica da quest’ultimo sul suo blog, ho voluto anch’io, come suggerito dal Venturi, cercare di vedere qualche legame tra alieni e massoni.

Da quando ha la tecnologia per farlo, la casta militare mondiale si è sovrapposta a fenomeni naturali da sempre esistiti, come i terremoti e le perturbazioni climatiche, scatenandoli a piacere, come una specie di false flag applicata al territorio. E come nelle più classiche false flag il colpevole è colui che viene indicato come tale dallo stesso agente dell’attentato, così, con le armi scalari, viene  indicata la natura come colpevole, dato che nel suo repertorio ha sempre avuto terremoti e altri sconvolgimenti climatici.

Leggi il resto di questo articolo »

http://aurorasito.wordpress.com/2012/03/06/uniniziativa-dei-brics-sulla-siria/

Melkulangara Bhadrakumar Strategic Culture Foundation 06.03.2012

Recenti notizie suggeriscono la possibilità intrigante che il ‘non-allineamento’ acquisti probabilmente ancora una volta la valenza del principio centrale della politica estera indiana. Il cerchio si chiude, dopo quasi 6 o 7 anni, quando l’ex segretaria di Stato degli Stati Uniti, Condoleeza Rice, aveva esortato i leader indiani a eliminare dal loro modo di pensare le ultime tracce della dottrina del ‘non-allineamento’, associata al mondo di Jawaharlal Nehru e Indira Gandhi. Voleva che invece gli indiani si fidassero della determinazione degli Stati Uniti nel rendere il loro paese un vero giocatore globale.
Così, nel periodo che seguì, Chanakya (del III° secolo a.C.) cui si attribuisce la paternità dell’antico trattato di politica indiana chiamato Arthasatra, fu tirato fuori dallo scaffale per sostituire Nehru e Indira Gandhi, quale nuova moda a New Delhi. Il ‘Machiavelli Hindu’, che era stato dimenticato da un paio di millenni, quale passato arcaico dalla scarsa rilevanza per il mondo moderno, fornì l”alibi della civiltà’ alla dirigenza indiana, affinché avviasse il cambiamento paradigmatico nella sua politica estera – sotto il travestimento degli ‘interessi nazionali’ – in sintonia con la sua ‘situazione unipolare’ nell’era post-Guerra Fredda.

Leggi il resto di questo articolo »

Ndr: Segue un articolo di Maurizio Blondet.

Articolo di Ambrose Evans-Pritchard * telegraph.co.uk

Traduzione di Comedonchisciotte

La ribellione spagnola è iniziata, prima e più decisamente di quanto mi aspettassi.

Come molti lettori avranno già saputo, il Premier Mariano Rajoy si è rifiutato categoricamente di adempiere alle richieste di austerità della Commissione Europea e del Consiglio Europeo (sequestrato da Merkozy).

Prendendo quella che ha definito una “decisione sovrana“, ha semplicemente annunciato che intende di ignorare gli obbiettivi per il deficit dell’UE del 4,4% del PIL per quest’anno, fissando l’asticella al 5,8% (in calo dall’8,5% del 2011).

In venti anni trascorsi a seguire da vicino gli affari dell’UE, non ricordo un atto di sfida tanto audace e aperto da parte di uno stato. Leggi il resto di questo articolo »

Cari LETTORI/LETTRICI di SL,
mi ero impegnato di postare su SL qualcosa sul SALTO VIBRAZIONALE e/o passaggio dalla IIIa DIMENSIONE alla IVa; eccovi accontentati con il MESSAGGIO suddiviso in due parti trasmessoci da quell’ ESSERE COSMICO ANGELICO che prende il nome di KRYON canalizzato dal famoso scrittore statunitense LEE KARROLL, lo so che qualcuno di VOI/NOI obietterà che lui è un importante rappresentante della NEW AGE che NOI ”complottisti” riteniamo ESSERE un potente strumento del NWO ma nonostante questo alcuni contenuti possono ugualmente ESSERE capiti ed anche condivisi almeno IO la penso così !!!
NAMASTE’-ALOHA-HASTA SIEMPRE
SDEI  

Il salto vibrazionale, la trasformazione dell’umanità e il progresso spirituale dell’uomo

L’Umanità sta vivendo un grande risveglio, mentre entriamo in questo periodo di trasformazione. Molti di noi sono alla ricerca di un significato più profondo della vita, stanno cambiando lavoro, terminando vecchie relazioni, iniziandone di nuove, trasferendosi in nuovi luoghi, affrontando dure prove sul proprio cammino. Tutt’intorno assistiamo a gente comune che pone domande, esige risposte, e richiede una maggior responsabilità ai nostri governi, alle chiese, e alle grandi istituzioni che detengono il potere. I punti di riferimento culturali, politici e religiosi, sembrano non essere più validi: se ne avverte il limite, si percepisce una spinta ulteriore ad andare oltre. Una espansione di coscienza sta investendo il globo, stimolando l’umanità a livello cellulare affinchè si risvegli.
C’è un immenso cambiamento vibrazionale sulla terra, e proprio a causa di esso, assistiamo ad un’accellerazione degli schemi di comportamento degli esseri umani sia positivi, che negativi. Leggi il resto di questo articolo »

Da settembre dell’anno scorso ad oggi sono 122 i dirigenti di banche e loro diramazioni ad essersi dimessi. Una lista probabilmente destinata ad allungarsi.
Premessa. Faccio mie le considerazioni di americankabuki.
Le circostanze per le quali questi individui hanno rassegnato le proprie dimissioni non mi sono note, dunque non intendo esprimere un giudizio su ciò. Ma la sincronia con cui avvengono così tante dimissioni desta curiosità e può essere considerata una linea di demarcazione della Storia di non poca importanza. Non intendo emettere giudizi sui singoli individui, nè avrei elementi per farlo, ad eccezione dei più noti.
La lista che segue include banche, organismi d’investimento, fondi sovrani, fondi azionari, fondi pensionistici ed altre organizzazioni bancarie ombra. Leggi il resto di questo articolo »

Fonte: guardian.co.uk

MONACO DI BAVIERA, 1 marzo (Reuters) – In diversi paesi europei, la polizia ha fatto irruzione in più di 80 proprietà, come parte di un’indagine dei pubblici ministeri tedeschi sulla manipolazione del mercato azionario, secondo quanto riferito giovedì dai procuratori dell’ufficio di Monaco di Baviera.
Il portavoce dell’Ufficio ha detto che i raid di Mercoledì riguardano casi sospetti di manipolazione del mercato, insider trading e frode.
Cinquantatre i siti perquisiti in Germania, 29 in altri paesi europei e quattro al di fuori dell’Europa. Ha però rifiutato di fare i nomi delle persone o delle società sospettate, dicendo solo il numero a due cifre delle persone coinvolte. Leggi il resto di questo articolo »

Immagine anteprima YouTube

A giudicare dalle sue scelte politiche, sembra che il Partito Democratico s’ispiri più a Filippo Tommaso Marinetti e al suo Futurismo, che non a Carlo Marx e ad Engels. Se l’uomo medio rappresenta il popolo a cui la Sinistra chiede il voto, il mito del progresso si è ben bene radicato nella popolazione, nonostante da anni l’Ecologismo inviti a una maggiore moderazione sulle scelte che implicano un certo impatto sull’ambiente. Da almeno tre decenni veniamo in contatto con l’idea dei limiti ecologici da rispettare e siamo stati spesso invitati a tirare un metaforico freno d’emergenza, considerando i rischi che uno sviluppo sfrenato potrebbe comportare.

E invece, sembra che le sirene del progresso e dello sviluppo siano più assordanti dei pigolii dei Verdi che reclamano maggiori attenzioni agli ecosistemi e ai loro corretti funzionamenti. C’è stato anche il sociologo Roberto Vacca che nel suo famoso “Il Medioevo prossimo venturo” iniziava facendo la metafora del camion che affronta una ripida salita, con il camionista alla guida che si augura disperatamente che prima o poi la salita finisca, dato che il mezzo, in quelle condizioni di marcia, è sotto sforzo e non potrà reggere a lungo.

C’è stato anche Serge Latouche che ha parlato di “decrescita felice”, ad indicare che ci sarebbe anche un modo per salvare capra e cavoli, moderando cioè i consumi senza per questo “tornare all’età della pietra”, come subdolamente minacciano i seguaci dello sviluppo a tutti i costi.

Leggi il resto di questo articolo »

Fonte: raggioindaco.wordpress.com

Il Direttore Generale della Goldman Sachs Group Inc., David Loeb (da non confondersi con Sébastien, il pilota di rallye, David manipola i rallyes borsistici…) è stato messo sotto inchiesta criminale dall’FBI per aggiotaggio (aumento illecito in borsa, dei prezzi delle merci o dei valori negoziabili, per trarne profitto e speculare ndt).

Mario Draghi della Riserva Federale Europea (BCE o Banca Centrale Europea) ex vice-direttore per l’Europa della Goldman Sachs tra il 2002 e il 2005, esperto di Wall Street, deve avere le orecchie che fischiano mentre scrivo queste righe. Leggi il resto di questo articolo »

Il libro ‘Il Cammino Sottile verso la libertà’ di Graziella e CarloStampa

Il Cammino Sottile verso la libertà con PSYCH-K® e altre storie

di Graziella Marchetti e Carlo Cannistraro

 

“Ho sempre sentito parlare del qui e ora, cioè dell’eterna connessione che ci lega al presente – derivata dal fatto che nel mondo della ‘materia uguale energia’, come ci ha raccontato Einstein, non esiste lo spazio tempo -, ma facevo fatica a viverlo e a integrarlo nella mia giornata. E poi c’è stato un momento in cui tutto mi è apparso più chiaro e luminoso. Noi tutti spesso ci facciamo agganciare dai ricordi del passato, che ci ancorano a sé e creano immobilità, oppure fantastichiamo sul nostro futuro così tanto, da percepire il presente come un momento di inadeguatezza. Anche ‘Il Piccolo Principe’ di Saint- Exupéry, riferendosi all’essere umano adulto, ha colto perfettamente questo concetto e lo ha espresso con le parole “non si è mai contenti dove si sta”. È proprio questo che accade a molte persone, cioè non sono contente, non tanto per quello che di buono o cattivo realizzano nella propria quotidianità, ma per quello che non sono riuscite a realizzare, soprattutto in riferimento alle aspettative ipotizzate. È come se fossimo alla continua rincorsa di qualcosa che non riusciremo mai a realizzare come vorremmo, come se solo il domani riservasse le migliorei risposte per noi: la fregatura dunque, sta proprio qui, nel presente. Se però rimaniamo prigionieri di questo schema, incombe su di noi un grande pericolo: dato che ci sarà sempre un domani, non raggiungeremo mai il nostro obiettivo”. (Graziella e Carlo)

Leggi il resto di questo articolo »

NOTIZIE DALL’ORIENTE Dal Cremlino un sostegno alla Siria

di: Ugo Gaudenzi
direttore@rinascita.eu

paesaggio siberiano

Tutti, ma proprio tutti, i media occidentali hanno dato notizie fasulle sulla corsa al Cremlino che si conclude con il voto russo di oggi.
Le manifestazioni anche comuni dell’eterogenea opposizione (i tre maggiori sfidanti, lontani decine di lunghezze da Vladimir Putin, favorito già al primo turno, sono i nazionalisti, i comunisti e i socialdemocratici), sono state più che sovraestimate, a bella posta, dagli “autorevoli” commentatori euro-atlantici.
Un’analisi neutrale, anzi, avrebbe dovuto constatare, a comizi elettorali conclusi, che i due mesi di pubblicizzate manifestazioni anti-Putin si sono risolte in realtà in un boomerang a tutto vantaggio del premier uscente. Per il numero dei partecipanti, sempre minore rispetto all’avvio d’inizio inverno, per l’inconsistenza dei suoi avversari, e per quello che nessuno, tra gli opinionisti – salvo, è bene sottolinearlo, il corrispondente Rai che non è stato correo del megafono-stampa occidentale – ha avuto la qualità di far rilevare: Mosca non è la Russia.
Nella capitale vive soltanto un decimo degli elettori della Federazione (11 milioni). Ed è soltanto lì che le proteste – peraltro ben gestite dagli avversari, che non hanno dato esche per proclamare “repressioni” e quant’altro… – di piazza sono state prese a conforto del “declino di Putin”.

Leggi il resto di questo articolo »

La TAV e il gambero di Trilussa

 No TAV versus Progresso.
Le ragioni dei manifestanti contro le manganellate del Potere.
È davvero necessaria l’Alta Velocità, come sostengono i mammoniti del centro-sinistra-destra, oppure ha ragione chi parla di Alta Voracità?
La disputa non è solo ambientale e sociale ma ha anche delle implicazioni filosofiche.
Da questo punto di vista mi sembra che porti un arguto elemento di riflessione una vecchia poesia di Trilussa, ER GAMBERO E L’OSTRICA[1]:
-        Ormai che me so’ messo
Su la via der Progresso,
-        Disse er gambero all’ostrica – nun vojo
Restà vicino a te che sei rimasta
Sempre attaccata su lo stesso scojo. –
L’Ostrica je rispose: – E nun t’abbasta?
Chi nun te dice ch’er Progresso vero
Ah, non avevamo dubbi su questi due compagni di merende!

di

 

STATI UNITI DI AL-QAEDA

Proprio come avevo previsto nel mio ultimo articolo, quando ho avvertito la gente di non festeggiare prematuramente dopo il veto alle Nazioni Unite di Cina e Russia su una risoluzione contro Assad, Venerdi, in Tunisia, 75 paesi che si descrivono come “amici della Siria” si sono riuniti per discutere azioni e modi per far pressione su Assad e costringerlo a dimettersi. Questo incontro è un modo per aggirare il veto russo e cinese, e liberare il campo ai terroristi Wahhabiti per conquistare la Siria. A Tunisi sono state prese molte decisioni importanti: Numero uno, i paesi partecipanti all’incontro hanno chiesto un cessate il fuoco per valutare la situazione in Siria. Numero due, si sono svolte trattative sulla possibilità di inviare una missione di peacekeeping delle Nazioni Unite in Siria. Numero tre, è stato concordata la consegna di aiuti umanitari alla popolazione siriana. Numero quattro, è stato deciso il congelamento dei beni della Banca Centrale siriana da parte dell’Unione europea. Ultimo, ma non meno importante, i sauditi hanno proposto di armare i ribelli, affermando che qualsiasi altra opzione da sola “non è sufficiente.” Questa proposta saudita non ha incontrato opposizione da nessuno dei delegati presenti alla riunione, spingendo ed aprendo in modo decisivo la strada a una guerra civile in larga scala in territorio Siriano . Clinton ha affermato che Assad “pagherà un costo pesante per le violazioni dei diritti umani,” una dichiarazione “profetica” che anticipa un tipo di morte stile Gheddafi anche per Assad. Clinton ha anche aggiunto che “Assad ha i giorni contati”.

Leggi il resto di questo articolo »

trovato su Luogocomune.net

Gianni Lannes
Corso Nuova Fotografia
Antonella Randazzo
FreePC
SCIE CHIMICHE