Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!

(di Paolo Ferliga)

Immagine anteprima YouTube

In attesa di un referedum popolare che ti ponga questo quesito, puoi esprimere il tuo parere sul blog di Beppe Grillo, indicandone (se vuoi) le motivazioni. Contribuisci a creare una massa critica! ;)

Per votare, clicca qui.

Il sondaggio sarà attivo fino alle ore 14 di domani, sabato 26 novembre.

Vedi i risultati.

Articolo di Debora Billi * Link

Siete tra coloro che festeggiano l’idea della patrimoniale, pensando alla Porsche Cayenne del vicino e allo yacht del dentista? Bene, ricredetevi: perché a pagarla saremo ancora solo noi. E intanto nonno corre in Svizzera…

L’idea di una tassa patrimoniale, una tantum, sulle proprietà degli italiani sembra piacere un po’ a tutti. Sicuramente più della reintroduzione della tanto vituperata ICI sulla prima casa. Sarà il sapore della giustizia, dell’“equità”, per dirla alla Mario Monti: hai case, barche, soldi in banca, terreni, azioni? Ebbene, sei ricco, è giusto che paghi più degli altri. E magari, come collaterale, facciamo scucire quattrini anche a un bel po’ di evasori fiscali che se la godono a spese nostre. Ebbene, purtroppo non è così. In Italia, chiunque abbia tre o più immobili, la barca, terreni o altro, se ne guarda molto bene dell’intestarli a se stesso. Esistono migliaia di micro srl nate appositamente per gestire queste proprietà, ogni commercialista è abituato ad aprirne di continuo. E non sto parlando di miliardari e grandi imprenditori: persino il bottegaio sotto casa, se si compra l’Audi A6, la intesta ad una società di comodo o alla sua impresa in modo da poterne anche scaricare le spese. Leggi il resto di questo articolo »

Fonte dell’immagine: http://dakoo1970.blogspot.com

 2. Goldman Sachs, Federal Reserve, Banca cinese e BNP Paribas
Nel precedente articolo abbiamo visto come Monti sia (stato?) membro del Consiglio di consulenti d’alto livello per l’Europa di Moody’s, l’agenzia di rating che con le sue notazioni sui debiti dei paesi, e non solo, ha influito pesantemente sull’aumento esponenziale del nostro debito sovrano.

Ma Monti è anche Senior Advisor di Goldman Sachs, legata alla Moody’s da Warren Buffet, azionista di entrambe. GS è quella banca che ha speculato sui titoli del debito, e che secondo Le Monde sarebbe all’origine del default greco mentre il giornalista di indagine Greg Palast (cfr. http://it.peacereporter.net/articolo/31466/Grecia,+un+collasso+targato+Goldman+Sachs ) descrive dettagliatamente come la Goldman Sachs International (la sede di Londra) abbia truccato i conti della Grecia, con uno strumento teorizzato e difeso dall’allora vice presidente di quella banca  per l’Europa (dal 2002 al 2005), Mario Draghi, una sorta di swap dollaro-euro, uno strumento a termine che come una bomba a orologeria sarebbe poi scoppiato con la necessità di rimborsare quell’importo nascosto nel frattempo lievitato. Uno strumento che ha fatto introitare profitti a GSI di un valore tuttora segreto, quando ha rivenduto come da contratto tale strumento alla National Bank of Greece, banca commerciale distinta ma forse parzialmente proprietaria della Banca centrale greca – ipotesi tutta da verificare – altrimenti non si spiega che tale debito sia poi scoppiato in faccia a tutto il paese. Leggi il resto di questo articolo »

Fonte: www.romandie.com

24 novembre 2011, articolo tradotto dal francese da NF

BRUXELLES – La Commissione europea ha citato l’Italia in  Corte europea di giustizia, questo giovedì per le sue golden share in alcune aziende strategiche, ritenendo che si tratta di una restrizione alla libera circolazione dei capitali

Le golden share sono diritti speciali che consentono ai poteri pubblici di bloccare il capitale di un’azienda.

Nel caso dell’Italia, i diritti si applicano a imprese nelle telecomunicazioni o nell’energia, due settori strategici, in particolare il colosso petrolifero ENI, il gruppo energetico Enel, l’operatore Telecom Italia e il colosso dell’aeronautica e della difesa Finmeccanica.
Roma dispone di una legislazione che le consente di opporsi alla vendita di azioni di una delle sue aziende, o alla formazione di un patto parasociale con troppi diritti di voto. Leggi il resto di questo articolo »

21 novembre 2011 (MoviSol) – Alla luce del pericolo di un attacco militare contro Iran e Siria, Helga Zepp-LaRouche, presidente del Movimento Solidarietà tedesco (BüSo) ha rilasciato un urgente appello a tutti i governi affinché dichiarino pubblicamente che non parteciperanno in alcuna circostanza a tale attacco.

Il suo appello inizia citando il Gen. Joseph P. Hoar (a riposo), ex Comandante in Capo del Comando Centrale statunitense, sul pericolo che un attacco militare contro l’iran possa “accadere un mattino: ci sveglieremo e l’attacco sarà stato condotto”. Subito dopo, Nikolai Makarov, Capo di Stato Maggiore delle Forze Armate russe, ha ammonito che la Russia potrebbe essere trascinata in un conflitto nucleare regionale, che potrebbe degenerare in una guerra nucleare su vasta scala. Inoltre alcuni ufficiali dell’esercito americano hanno messo in guardia dalle “conseguenze incalcolabili” che avrebbe un attacco all’Iran, così come l’hanno fatto numerosi specialisti del Medio Oriente che temono la terza guerra mondiale.

Leggi il resto di questo articolo »

Fonte: http://www.pane-rose.it/files/index.php?c3%3Ao30920%3Ae1

(24 Novembre 2011)

anteprima dell’articolo originale pubblicato in www.comidad.org

Paolo Flores D’Arcais, pur senza manifestare un particolare entusiasmo, ha salutato nel governo Monti l’epifania di una destra finalmente “presentabile” e “civile”. Uno che è stato pronto a credere che la NATO potesse andare in soccorso di una vera ribellione popolare, è disposto anche a credere che possa esistere una destra presentabile e civile.

A riguardo della sinistra si potrebbe sempre dire ciò che Nietzsche diceva a proposito di Dio, e cioè che almeno ha la scusante di non esistere; dato che ciò che viene definito come “sinistra” non è altro che una nicchia di parcheggio per personale politico che attende l’opportunità di collocarsi a destra. Ma una destra che non insolentisca e che non sbrachi, non si è mai vista, neppure nelle mitiche democrazie europee, rispetto alle quali l’opinione pubblica italiana risulta semplicemente non informata.

Leggi il resto di questo articolo »

*La sovranità monetaria è un “credito” del Popolo che il Popolo delega allo Stato che lo regala al Banchiere che lo presta allo Stato che “indebita” il Popolo che… speriamo si sia rotto il cazzo!

*Il falsario comune è molto più onesto del falsario banchiere: il primo spaccia solo il valore di facciata della moneta e rischia di “suo” mentre il secondo, oltre al valore di facciata, si fa pagare pure spese ed interessi e rischia di “nostro”.

*Usu(ra)capione – L’usuraio “semplice” ti presta soldi con gli interessi che, a prescindere, sono reali e sono suoi. L’usuraio “banchiere” ti presta soldi con gli interessi che, sempre a prescindere, sono creati dal nulla ed “erano” tuoi. Leggi il resto di questo articolo »

Il bilderberghino Monti e’ come un asino in mezzo ai suoni che, non capisce niente, ma intuisce oscuramente che la crisi della finanza dipende unicamente dal fatto che l’industria e il commercio non vendono e, quando vendono, non guadagnano, per cui non appena la societa’, che sa tutto, si sara’ rassegnata al fatto che le sue ricette da quattro soldi non risolvono nulla, sara’ risucchiato, insieme a suoi solidali, nel vortice in fondo al quale sibilano vorticose le lame del dissenso sociale..
La soluzione e’:
-1) l’abolizione del signoraggio primario mediante la nazionalizzazione delle banche centrali;
-2) l’abolizione del signoraggio secondario mediante il pareggiamento dei tassi attivi e passivi, in modo che gli interessi vadano ai proprietari dei soldi che vengono prestati, e allo Stato in relazione ai prestiti frutto del moltiplicatore monetario;
-3) un’immediata riconversione industriale finanziata con i soldi che lo Stato potra’ stampare senza più doverli ‘comprare’ dalle banche centrali: una riconversione che dovra’ iniziare con un’immensa opera di ristrutturazione delle citta’ e del mondo, con la bonifica del cielo, della terra e del mare, e la creazione delle energie alternative. Leggi il resto di questo articolo »

Oggi è il giorno del Ringraziamento negli Stati Uniti. Quarantacinque milioni di tacchini sono stati macellati per questo rito collettivo in cui si sacrificano creature viventi al Dio Ventre, vagamente chiamato Dio dell’universo.

La sua origine sembra vada ricercata in Canada nel 1578, per opera di un certo Martin Frobisher, che indisse un giorno di ringraziamento per esser riuscito, lui e il suo gruppo, ad attraversare l’Atlantico. Ma anche i più famosi Padri Pellegrini, nel 1621, ebbero la stessa idea. Arrivati in una terra ostile e con l’inverno incipiente, sarebbero morti tutti e centodue di fame se non fossero giunti in loro soccorso i nativi consigliando loro di coltivare il mais e allevare i tacchini. Grazie a questo aiuto, gl’impropriamente chiamati pellegrini invitarono i nativi a mangiare con loro, anche se la storia dell’amicizia è stata un po’ gonfiata poiché in realtà gli invasori non si fecero scrupoli a saccheggiare alcuni depositi di granaglie degli indiani e già l’anno successivo ci furono scaramucce per motivi di territorio.

La realtà è sempre più prosaica di come ci viene raccontata. Tant’è vero che, a dimostrazione dell’umana ingratitudine, nel 1676 il primo funzionario che, a differenza dei suoi predecessori che erano solo uomini del popolo, ebbe l’idea d’istituire una giornata di ringraziamento a Dio, fu Edward Rawson. Uno dei motivi per cui i coloni avrebbero dovuto ringraziare il Signore fu la vittoria contro i “nativi pagani”, cioè proprio coloro che cinquantacinque anni prima li avevano aiutati a sopravvivere ai duri inverni. Come sarebbero andate le cose per i pellerossa se li avessero lasciati morire di fame?

Leggi il resto di questo articolo »

Luisa Torchia è indagata nella vicenda privatizzazione dell’aeroporto di Ampugnano, provincia di Siena. Se ne parla come di una possibile ministro nel governo Monti. Di Pietro che dice???  Nominare un’indagata in un governo di tecnici non eletti ma sommamente moralisti, è il colmo del regime. Così almeno gli italiani cominceranno a capire l’entità della fiele e del livore dei mastini dei poteri forti contro il governo Berlusconi, e i due pesi e le due misure applicati da magistratura, media ed Europa. E Travaglio batte un colpo? N:F:

http://firenze.repubblica.it
Aeroporto di Ampugnano
chiuse le indagini
Tra le persone accusate dalla procura anche il presidente del Monte de’ Paschi e dell’ABI Giuseppe Mussari Leggi il resto di questo articolo »

Esattamente 48 anni fa veniva assassinato il Presidente degli Stati Uniti d’America JFK tramite un attentato (colpo di stato), la versione ufficiale che fu data da tutti i giornali dell’Epoca non corrisponde alla verità.

Voglio precisare che come sempre quando si tratta di far passare una bugia di calibro grosso i media non ne parlano, fanno finta di dimenticare un evento che ha cambiato la storia non solo per i cittadini Americani, ma anche per tutto il mondo, qui si può notare come l’Elite ha in mano pure l’anima di coloro che devono ancora nascere. Leggi il resto di questo articolo »

Siria/ Agenti francesi addestrebbero militarmente opposizione

La rivelazione del Canard Enchainè

      INFOPHOTO
Roma, 24 nov. (TMNews) – Secondo la rivista francese “Canard enchaîné”, degli agenti francesi si troverebbero già in Libano e in Turchia con “la missione di costituire i primi contingenti dell’Esercito siriano libero”.

Il Canard scrive che ufficiali dei servizi segreti sono stati inviati nel nord del Libano e in Turchia. Si tratterebbe di “diversi membri del Servizio di azione della Dgse (i servizi segreti) e del Comando operazioni speciali”. Tra i loro compiti “formare i disertori alla guerriglia urbana”.

Una fonte dei servizi segreti militari spiega al Canard: “non si tatta di ricominciare quanto già accaduto in Libiaa….ma sono i francesi e i britannici ad aver preso per primi i contatti con i ribelli”.

Dal commento del lettore Alvise

La portaerei CVN 77 George H.W. Bush si è posizionata col suo micidiale gruppo navale davanti alle coste della Siria.  Washington invita tutti gli americani ad abbandonare la Siria con gli ultimi voli disponibili prima dell’imposizione della ‘no fly zone’ cioè della guerra intesa a provocare pure l’Iran e che metterà a repentaglio anche la nostra incolumità di europei, ostaggi della superpotenza genocida in bancarotta.

La Turchia minaccia la Siria e la provoca con l’ammassamento di truppe al confine, Israele provoca, gongola e si prepara a sua volta. Gli inglesi sono già schierati e sono infiltrati da tempo, la Francia minaccia mentre  si dice critica circa l’intervento di occupazione e l’Italia con il suo governo illegittimo frutto del golpe dei banchieri Usa, dà il suo assenso-consenso all’inizio di quella che potrebbe diventare la terza guerra mondiale, senza nemmeno consultare i partiti. Con il silenzio complice di ogni organo di stampa.

Guerra, guerra, guerra…, con gli europei a ridere nei bar e a farsi intorpidire dalla Tv e dai videogiochi, mentre ulteriori centinaia di migliaia, forse milioni di vite umane, conosceranno immani sofferenze e morte per mano di assassini planetari appoggiati da noi miserabili e ignobili servi collusi.   Quello che faremo a queste genti forse lo subiremo anche noi e in  maniera peggiore e più duratura.

Leggi il resto di questo articolo »

Gianni Lannes
Corso Nuova Fotografia
Antonella Randazzo
FreePC
SCIE CHIMICHE