Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!

Articoli marcati con tag ‘Serbia’

NdR: Pubblico questo articolo, tratt0 dal blog “anarchico”  Comidad (lontano da adesioni ideologiche e partigianerie politiche), la cui lucidità è confermata (purtroppo) proprio in questi giorni..
03/03/2011 – Fonte: Comidad.org
I media stanno inneggiando da settimane alle presunte “novità” provenienti dal Mondo Arabo, novità che consisterebbero in quelle inedite esperienze che sono i colpi di Stato militari. Ma, più di tutte, la situazione della Libia ha assunto i contorni del déjà vu, di una vicenda già vissuta nei minimi dettagli.
Vari commentatori hanno ipotizzato che, dietro l’ondata di rivolte nei Paesi arabi, vi sia un’unica strategia di destabilizzazione di marca statunitense. Vi sono certamente degli indizi che possono conferire qualche fondatezza a questa ipotesi, come, ad esempio, il ruolo di personaggi ambigui come El Baradei in Egitto. Leggi il resto di questo articolo »

Identificata prima vittima civile dell’Uçk: il procuratore serbo chiede la riapertura dell’inchiesta

16554_haradinaj-uckIl procuratore del Tribunale serbo per i crimini di guerra Vladimir Vukcevic, ha chiesto all’Albania di riaprire le indagini sul traffico di organi, perpetrato tra il 1999 e il 2000 ai danni di circa 300 serbi del Kosovo che sarebbero spariti nel nulla, rapiti dai guerriglieri dell’Uçk e portati in Albania per essere sottoposti a espianti di organi.

Il primo riconoscimento. La richiesta di Vukcevic segue la raccolta di ulteriori prove e il rinvenimento di una fotografia. In essa Rade Dragovic ha riconosciuto il corpo di suo padre Predrag, scomparso il 22 giugno del 1999 dalla città di Pec. L’immagine scattata nel nord dell’Albania mostra Agim Ramadani, comandante della 128° brigata dell’Uçk, con ai suoi piedi Dragovic che indossa una tuta mimetica. Secondo il figlio Rade, il padre non avrebbe mai preso parte ad azioni militari e per questo motivo la procura ha desunto che l’uomo fosse stato vestito con abiti militari per nascondere l’uccisione di civili. “Non si può dire se dal corpo siano poi stati esportati degli organi vitali, ma ciò dimostra la pratica del rapimento e l’uccisione di civili da parte della guerriglia separatista“, ha detto il procuratore in una conferenza stampa a Belgrado, a cui ha preso parte anche il figlio di Dragovic. “E’ un momento importante – ha continuato Vukcevic – si tratta della prima identificazione di una vittima civile. Se la giustizia di Tirana non ci assisterà ci rivolgeremo agli organismi internazionali”.

Leggi il resto di questo articolo »

Tra strumentalizzazioni politiche e speculazioni nel mercato parallelo, la guerra del gas sta diventando una vera e propria manovra per destabilizzare il ruolo dell’Ucraina nella rete degli approvvigionamenti e dare un nuovo volto al mercato del gas. L’Europa cerca di sdoganare il suo ruolo di mero consumatore, ma continua a vestire i panni dell’utente danneggiato. Una posizione che non piace alla Russia, che vuole un diretto intervento di Bruxelles per risolvere l’impasse.

Leggi il resto di questo articolo »

Gianni Lannes
Corso Nuova Fotografia
Antonella Randazzo
FreePC
SCIE CHIMICHE