Categorie
VISITE
Ti ringraziamo per essere passato sul nostro blog! Torna a trovarci presto!

Pubblicato in data 14/mag/2013
Paola Taverna, cittadina eletta al Senato del M5S esprime il disappunto per i fatti relativi al comizio di Brescia e alla vicenda Tortora, sottolineando l’amarezza per la citazione assolutamente impropria fatta da Silvio Berlusconi. Leggi il resto di questo articolo »

Fonte: http://www.palermotoday.it/cronaca/strage-via-d-amelio-ladri-agenda-rossa.html

Via D’Amelio, i ladri dell’agenda rossa: spunta video inedito

Nel nastro scoperto dalla Procura di Caltanissetta ci sono momenti che seguirono l’uccisione di Borsellino. Viene immortalato il colonnello Giovanni Arcangioli che parla accanto alla blindata del magistrato. Le immagini in esclusiva pubblicate da Repubblica.


agendarossa

Sotto la bandiera nera di al-Qaeda, la città siriana di Raqqa governata da bande di estremisti

telegraph

Il Daily Telegraph (in un articolo il cui link  trovate a lato) ha descritto la vita in Raqqa, una città nel nord della Siria, attualmente occupata dalla milizia Al Nusra , legata ad Al Qaeda: le chiese cristiane della città sono state chiuse, i tribunali islamici arrestano le donne che non indossano il velo,  Al Nusra ha sequestrato molte panetterie e luoghi di lavoro. Paradossalmente la sua ammissione di appartenere ad al Qaeda non ha creato nessuno scandalo in occidente: le proteste vengono invece dal gruppo  Ahrar al-Sham,  loro principale alleato islamico…

Alcuni estratti dall’articolo del The Telegraph:

La bandiera nera di al-Qaeda sventola alta sopra la piazza principale di Raqqa di fronte al palazzo del nuovo governatore, il suo ex occupante visto l’ultima volta nella loro prigione (…)

Raqqa è stato il primo capoluogo di provincia a cadere a titolo definitivo ai ribelli, questo ha permesso ad al Nusra di assumere un ruolo di leadership in ampie zone della Siria nord-orientale, al confine con l’Iraq.  (…) Leggi il resto di questo articolo »

formica.jpg_200851401040_formicaQualsiasi forma di vita nell’universo (dalla più grande alla più piccola), che decida di andare a sinistra invece che a destra, o viceversa, formula un pensiero logico. In questo modo, si conferma l’esistenza di una coscienza, di un’anima, di un cuore e di uno spirito, e quindi la capacità di potere decidere arbitrariamente e liberamente.
Oggi, quel branco di caproni, che in veste di teologi, filosofi e scienziati, differenziano la vita animale da quella umana, sulla base di istinto e intelligenza, dovrebbero spiegarci quale di queste due funzioni mentali o comportamentali, sia la responsabile dello scempio umano, ambientale, culturale, etico e morale, che sta trascinando l’umanità verso la sua totale estinzione. Leggi il resto di questo articolo »

Scritto da Angelo Tirone | Fonte: felicitaannozero.altervista.org | Link

Ognuno di noi principalmente dovrebbe chiedersi: “Per quale motivo degli esseri umani, che hanno vissuto per migliaia di anni nei loro paesi, oggi dovrebbero abbandonarli per venire a vivere in Italia? A chi fra voi piacerebbe andare a vivere per necessità in un altro paese?”
Ebbene se veramente queste donne fossero cosi sensibili nei confronti degli stranieri, lotterebbero per far cancellare i debiti truffa dei loro paesi di origine e ne denuncerebbero l’illegittimità.
Denuncerebbero i meccanismi con cui le banche e le multinazionali hanno letteralmente rubato loro i terreni agricoli, le risorse minerarie, quelle petrolifere, etc.
Se fossero donne intellettualmente oneste e sensibili, come vorrebbero farci credere, denuncerebbero quelle industrie farmaceutiche che hanno sfruttato migliaia di bambini in Africa per per testare farmaci (tra cui vaccini altamente tossici) e gli altri affari sporchi delle fabbriche di armi (tra cui la Beretta) che sono causa di morte e distruzione.
Queste donne cosi attive nel sociale, hanno mai, per esempio,  reso noto il discorso di Thomas Sankara che fece all’ONU e per il quale è stato ucciso?

Articolo di Maurizio Elia Spezia - http://www.losai.eu/incredibile-olli-rehn-spiega-il-signoraggio-ma-nessuno-lo-capisce

INCREDIBILE: Olli Rehn spiega il signoraggio ma nessuno lo capisce!

La notizia sta già cominciando a girare per il web ma nessuno la sta trattando nella maniera corretta, ovvero Olli Rehn vuole eliminare ulteriore sovranità agli Stati membri attraverso l’eliminazione delle monetine da 1 e 2 centesimi.

Cosa significa?

Come abbiamo già ampiamente specificato nell’articolo: “Moneta: convenzione o valore?”   la proprietà della rendita da signoraggio (ovvero la differenza tra il valore di produzione e il valore nominale) sulle monete appartiene allo Stato che le EMETTE, già perchè, per chi ancora non ne è a conoscenza le monete Euro appartengono agli Stati che le emettono, infatti ogni stato ha la propria monetina mentre le banconote sono di proprietàESCLUSIVA della BCE che le emette e le PRESTA agli stati membri. Leggi il resto di questo articolo »

Da http://dorsogna.blogspot.com/2013/03/lancaster-ca-obbligo-di-pannelli-solari.html

 

We have tremendous capability if we just have the courage to do it.

Rex Parris e’ il sindaco repubblicano di Lancaster, California.

Ieri giovedi 28 Marzo, la citta’ e’ diventata la prima di tutta l’America ad *obbligare* i costruttori di case a generare energia dal sole.

No incentivi, no sconti.

E’ un obbligo, una legge.

Lancaster e’ a qualche decina di miglia a nord di Los Angeles, e’ una comunita’ dormitorio nel deserto. A lungo Mr. Parris ha manifestato il suo desiderio di renderla la “capitale del solare del mondo”. Leggi il resto di questo articolo »

Proteste contro UE

Riportiamo un’intervista rilasciata alcuni mesi addietro dall’antropologa Ida Magli dove il suo contenuto, alla luce degli ultimi avvenimenti ( dal disastro della Grecia alla crisi degli altri paesi del sud Europa) ritorna di drammatica attualità. Leggi il resto di questo articolo »

Articolo di Luciano Lago

immigrati-lampedusaGli ultimi episodi di cronaca verificatisi in Italia portano ancora una volta alla ribalta l’immigrazione di massa come un problema di stretta attualità con  le interpretazioni che di questo problema vengono fornite dalle varie forze politiche, dai media  e dagli ambienti culturali più influenti. 

Una cultura predominante vorrebbe l’accoglienza a tutti costi delle masse di diseredati che arrivano dall’Africa e da altri paesi (medio Oriente ed Asia) in cerca di prospettiva o che vedono l’Italia come un ambiente gradevole per insediarsi , visto la normativa altamente favorevole per loro e le complicazioni ed i costi che deriverebbero da eventuali provvedimenti di espulsione che non vengono mai eseguiti.

Questa cultura dell’ “accoglienza ad ogni costo” è quella propria soprattutto (ma non solo) della sinistra ben pensante che ha sempre predicato l’integrazione e che oggi opera per cambiar anche le leggi sulla cittadinanza passando dall “ Jus sanguinis” allo “ Jus soli”, nonché l’attribuzione dello status di profugo con gli evidenti vantaggi economici per l’immigrato. Di segno opposto è stata fino ad oggi l’opposizione di chi (la destra leghista) ha cercato di limitare il fenomeno (senza riuscire) soltanto sulla base di esigenze regionali di ordine pubblico ed ha sempre predicato la necessità di regole selettive per l’immigrazione  ( visto relazionato con lavoro, permessi di soggiorno e blocco dei clandestini). Leggi il resto di questo articolo »

  • Che il cervello fosse diviso in due parti con compiti, attitudini, predisposizioni diverse, lo sapevamo già.
  • Che le due parti devono collaborare fra di loro perchè una persona sia in equilibrio, anche.
  • Che è in fondo lo stesso equilibrio di una persona matura che ha, al suo interno, assimilato la parte paterna e materna dell’educazione (vedi E.Fromm: “L’arte di amare“), anche.
  • Che la parte destra fosse quella che percepisce le cose  nel loro insieme, che sente il tutto, mentre la sinistra è quella della analisi, della parola, della scrittura, anche (avevo un libro di arte, da giovane, “Disegnare con la parte destra del cervello“, cioè in maniera percettiva, olistica, sintetica, non analitica).

Insomma, tutta la Realtà che ci circonda sembra vivere di questa dualità di opposti che si attirano e complementano (alla faccia di chi vuol farci credere che due poli magnetici della stessa carica si attirano, e che questo sia naturale e normale: semplicente la Natura NON funziona così, inutile arrampicarsi sugli specchi a cercare di giustificare l’ingiustificabile.) Ma non è questo il punto.

Il punto è che quando senti queste cose dalla viva voce di chi le ha vissute, è tutta un’altra cosa. Vi propongo un video della serie “TED: ideas worth spreading” (idee che vale la pena di far circolare). Quello che impressiona, in questo video (20 minuti scarsi) è che a raccontare tutto questo sia una neurologa che, 8 anni prima, aveva vissuto un ictus alla parte sinistra del cervello, e quindi, da una posizione “privilegiata”, può raccontare la sua esperienza, conclusasi felicemente (ma all’inizio non si sapeva se sarebbe sopravvissuta, ed dovette ricominciare a parlare, come una bambina appena nata).  Un’esperienza tutta da ascoltare.



 

DI MARCO DELLA LUNA – Fonte: http://marcodellaluna.info/sito/2013/05/12/alla-ricerca-della-liquidita-perduta/Mm

Il sistema-paese soffre di arretratezza tecnologica e infrastrutturale, di inefficienza e dispendiosità della macchina amministrativa, di lentezza e corruzione di quella giudiziaria, di costi elevati di una politica e di una burocrazia ampiamente parassitarie, per non parlare dell’influenza istituzionale della criminalità organizzata e, ovviamente, della insostenibile pressione fiscale.
Il male di fondo, che toglie i mezzi anche per affrontare gli altri mali, e da cui direttamente dipendono insolvenze, fallimenti, licenziamenti, crollo di speranza, investimenti e consumi, è però un altro, ossia la carenza di mezzi monetari, il costo eccessivo (rispetto ai paesi competitori) del denaro, le difficoltà ad ottenere credito. Leggi il resto di questo articolo »

Nel libro scritto a  4 mani con Monia Benini (“Risvegliàti: e adesso cosa facciamo?) abbiamo inserito alcune conseguenze negative del meccanismo di produzione della moneta così come è oggi. Di fatto, l’esistenza di una ristretta minoranza di individui, che con la creazione del denaro acquisisce un potere enorme, fa sì che, proprio per mantenere lo status quo, questa minoranza cerchi di influenzare (e ci riesce benissimo) altri settori della società,dalla medicina all’informazione, dalla scienza all’istruzione, dagli studi di economia politica alla promozione (o cancellazione) di tecnologie per la produzione di energie, ecc.

E tutto sommato sono convinto che il mercato sia così “drogato” dall’esistenza di questi interessi forti (che non hanno alcun limite nella disponibilità di liquidità) al punto che i loro effetti si riverberano su ogni aspetto della nostra società. Come ben spiegato in questa lunga intervista a Nando Ioppolo, esiste una sotrta di “sistema unico di pensiero” che promuove una serie di falsità auto-sorreggentesi una con l’altra, e per impedire che il sistema corrente di pensiero sia messo in discussione deve stare attento ad ogni dettaglio, in ogni settore della società, finanche alla cultura, al costume, lo sport.

Con il cantante del gruppo padovano Piccola Bottega Baltazar (già scritti alcuni post, qui,  qui qui) Giorgio Gobbo,gobbo scherzavo sul fatto che lui avesse imitato Alan Sorrenti (il famoso “figlio delle stelle“) e lui mi faceva notare che questo cantante, prima di diventare famoso con un pezzo tutto sommato molto “leggero“, aveva prodotto musica impegnata, cosiddetta underground, in lavori precedenti (ovviamente senza alcun successo!). In particolare Giorgio mi segnalava questo articolo che si conclude con queste – almeno per me – illuminanti parole:

Fallito il sogno della rivoluzione e dell’uguaglianza sociale, non rimaneva che cercare di sovvertire le proprie vite nelle discoteche, in cui l’identità quotidiana di ognuno poteva eclissarsi. “Avvolti dalle ombre”, l’operaio e la figlia dell’avvocato potevano incontrarsi, stare “silenziosamente insieme” e amarsi: annullate magicamente le differenze di classe nella notte disco, ognuno può credersi figlio delle stelle, anche nel senso delle star, per un incontro fuggevole in cui però “io non cerco di cambiarti”, dato che “so che non potrò fermarti” e al termine del quale “tu per la tua strada vai”. L’essenza della disco è tutta qui: sogno di benessere materiale, disinvoltura sessuale, edonismo almeno per una notte per fuggire dal grigio immutabile della vita di giorno. Forse non a caso, Figli delle stelle sarebbe uscito dalla Top ten solo dopo l’approvazione della legge sull’aborto:serendipità?

sorrenti

Quindi la promozione o l’occultamento di alcuni brani, alcuni autori sarebbe sottomessa ad una valutazione di opportunità, di potenziale pericolosità per i poteri forti? Lo sostiene anche David Icke, quando dice che il potere immenso che deriva dalla proprietà del denaro e dalla possibilità di finanziare questo o quel progetto, estende i suoi tentacoli anche in aspetti apparentemente secondari, come le canzonette,decidendo chi far trionfare e chi tenere nell’ombra, chi avrà successo e venderà milioni di copie e chi invece non avrà neanche la possibilità di farsi notare. Anche Sandy Marton, il biondo dai capelli lunghi con la tastiera a tracolla, aveva raccontato in un’intervista che aveva provato per anni a sfondare con musica impegnata… poi, d’improvviso, il successo inaspettato, enorme, travolgente, con un brano orecchiabile, sì, ma assolutamente scialbo come “People from Ibiza“.

 

Ecco perchè le regole del gioco vanno cambiate. E noi, pionieri in questa battaglia, dobbiamo avere pazienza con i nostri vicini e spiegare, senza fretta, ma con insistenza, quali sono i motivi (innumerevoli ormai) per cui questa è una buona battaglia ed è bene che anche loro si uniscano a noi. Perchè nessuno può chiamarsi fuori e dirsi non interessato. Ci siamo tutti dentro, che lo vogliamo o no.

 

Marra – Fonte: servizi segreti deviati attaccano la mia campagna a Sindaco di Roma abusando, come arma, della solita Tommasi (ormai un automa), su mandato di ambienti governativi deviati e bilderberg.

marra_giornalisti_banca_slim

Sembra apparentemente lo scherzo di uno dei purtroppo non pochi insensati che popolano la rete, ma non è così.

Del resto, quando è notorio che i presidenti del consiglio (osserva le minuscole) li nomina ormai d’abitudine il circolo criminale bilderberg con il silenzio\assenso della magistratura, diventa tutto possibile.

Nonostante ciò, il terrore che la politica e i media stanno manifestando di avere di me è stupido.

La cosca mediatica (repubblica, corriere, messaggero ecc.) fa infatti di tutto perché nessuno si accorga che sono candidato a Sindaco di Roma, e ne parla solo per citarmi in qualche sondaggio falso dove dice che avrei percentuali da prefisso telefonico, quando invece sanno bene che le nove liste civiche che mi sostengono hanno già avuto in passato oltre il 3%, e temono che, se riesco a legarle in un unico progetto politico, possano giungere a percentuali non si sa quanto più elevate.

Evento che li terrorizza perché causerebbe il confluire su di me delle migliaia di gruppi anti-signoraggio figli del mio documento sul signoraggio del 1.1.2007, che ho divulgato ovunque, e dei miei video. Leggi il resto di questo articolo »

7.5.13 – di Gianni Lannes –  Fonte: http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2013/05/ecco-chi-ha-ucciso-aldo-moro.html

Roma, via Caetani, 9 maggio 1978 – il ritrovamento del corpo di Aldo Moro appena ucciso!

di Gianni Lannes
In Italia qualcuno se n’è accorto? O meglio a qualcuno interessano democrazia, libertà e indipendenza politica? Steve Pieczenik inviato in missione da Washington, dopo 30 anni ha vuotato il sacco:
«Ho messo in atto la manipolazione strategica che ha portato alla morte di Aldo Moro al fine di stabilizzare la situazione dell’Italia. I brigatisti avrebbero potuto cercare di condizionarmi dicendo “o soddisfate le nostre richieste e lo uccidiamo”. Ma la mia  strategia era “No, non è così che funziona, sono io a decidere che dovete ucciderlo a vostre spese”. Mi aspettavo che si rendessero conto dell’errore che stavano commettendo e che liberassero Moro, mossa che avrebbe fatto fallire il mio piano. Fino alla fine ho avuto paura che liberassero Moro. E questa sarebbe stata una grossa vittoria per loro».
 
lo statista Aldo Moro ed il criminale del Bilderberg Group Henry Kissinger
Gianni Lannes
FreePC
Antonella Randazzo
SCIE CHIMICHE
Corso Nuova Fotografia